mercoledì, 29 Giugno 2022

Guerra in Ucraina, missili su Leopoli. Cremlino: “Raggiungeremo gli obiettivi. Serve indagine su strage a Bucha”

L’attacco missilistico a Leopoli, è stato ritenuto il peggiore dall’inizio del conflitto. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che la Russia vincerà e raggiungerà gli obiettivi. Ha poi aggiunto che c’è bisogno di un’indagine indipendente sulla strage di Bucha.

Da non perdere

Dopo l’attacco missilistico di questa notte a Leopoli, l’Aeronautica militare delle Forze armate di Kiev fa sapere che si tratta di uno dei peggiori attacchi missilistici dall’inizio del conflitto. L’evacuazione dell’Azovstal è iniziata durante la serata di ieri, è arrivato l’ordine dal comando militare supremo: “Salvate le vite dei combattenti”. Il quartier generale di Donetsk ha affermato che “si sono arresi oltre 250 militari dall’acciaieria”. Dal fronte diplomatico, il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha ribadito: “Vinceremo e raggiungeremo tutti gli obiettivi” e poi ha aggiunto che c’è bisogno di un’indagine indipendente sulla strage sanguinosa di Bucha. I Russi hanno bloccato le vie d’uscita per i cittadini nella regione di Kherson.

Leopoli, infrastrutture l’obiettivo dei bombardamenti

Il massiccio attacco missilistico russo contro Leopoli di questa notte, aveva come obiettivo le infrastrutture locali. È uno dei peggiori attacchi dall’inizio della guerra, secondo le autorità locali. L’ha fatto sapere il Comando dell’Aeronautica militare delle Forze armate di Kiev, come ha riportato l’agenzia Unian. È stato affermato, secondo il rapporto dell’Aeronautica, che le unità di difesa aerea sono riuscite a distruggere 3 missili da crociera. È stato, inoltre, stabilito che l’attacco è partito da sud-est.

Azovstal, il Comando militare supremo ordina di salvare le vite delle truppe

“La guarnigione di Mariupol ha compiuto la sua missione di combattimento, il Comando militare supremo ha ordinato ai comandanti delle unità di stanza ad Azovstal di salvare le vite dei combattenti”, l’ha dichiarato lo Stato maggiore delle forze armate ucraine in un comunicato citato dalla BBC. Inoltre, ha fatto sapere che l’esercito di Kiev è al lavoro per evacuare dall’acciaieria tutte le truppe rimaste, dopo mesi di bombardamenti.

Filorussi: “Si sono arresi oltre 250 militari dall’acciaieria”

Il quartier generale dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk, citato dall’agenzia di stampa russa Interfax, ha fatto sapere che “oltre 250 militari ucraini, tra cui 51 feriti, provenienti dall’Azovstal di Mariupol si sono arresi”.

Cremlino: “Vinceremo e raggiungeremo tutti gli obiettivi”

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha ribadito che “siamo certi di vincere e raggiungere tutti gli obiettivi” nell’operazione militare speciale in Ucraina. Ha continuato: “L’esistenza stessa della Russia è irritante per l’Occidente, il mondo occidentale è pronto a fare di tutto perché la Federazione non viva come vuole. Gli Stati Uniti si comportano in maniera ostile nei confronti della Russia”, secondo quanto ha riportato l’Agenzia russa Tass. Sempre Peskov: “Il Paese perde la sua sovranità se non difende fermamente i suoi interessi. La Russia è sicura della sua vittoria e del raggiungimento degli obiettivi prefissati, è sicura che tutto andrà bene”.

Peskov su Bucha: “Serve un’indagine indipendente sulla strage”

La strage di Bucha, una delle più sanguinose dall’inizio del conflitto, vede sospettate le truppe russe di aver commesso crimini di guerra. Il portavoce del Cremlino ha fatto sapere che Mosca ritiene sia necessaria un’indagine indipendente e imparziale per chiarire la situazione sulla strage di Bucha.

Ultime notizie