venerdì, 1 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, Russi bloccano vie d’uscita a Kherson. Torna l’acqua nella regione di Kiev

Stretta di Mosca sulla circolazione dei cittadini nella regione di Kherson con l'introduzione dei permessi di residenza. L‘Unicef fa sapere che è in aumento la malnutrizione, si stima possano essere circa 600mila i bambini nel mondo che potrebbero patire di fame. Nella regione di Kiev tutte le comunità riacquistano l’accesso all’acqua.

Da non perdere

Proseguono le evacuazioni dall’acciaieria Azovstal. Il presidente ucraino fa sapere che gli obiettivi dei russi restano le città del Donbass e Severodonestk, dove ieri è già stato bombardato l’ospedale, si sono registrati 10 morti. La Russia muove le sue pedine, sta cercando di limitare la circolazione dei cittadini di Kherson e sta bloccando le vie di uscita. Il bilancio dell’Unicef parla di 600mila bambini che soffriranno di fame a causa della guerra. Un piccolo barlume di speranza, le autorità locali fanno sapere che tutte le comunità della regione di Kiev hanno riacquistato l’accesso all’acqua. Dal fronte diplomatico, arriva un dietrofront da parte di Putin sull’ingresso nella NATO da parte di Svezia e Finlandia.

Zelensky: “Le città del Donbass rimangono i principali obiettivi”

Le forze armate ucraine stanno fronteggiando i continui attacchi nelle aree in cui la Russia sta ancora cercando di avanzare. Severodonetsk e altre città del Donbass rimangono i principali obiettivi degli occupanti. Stiamo facendo di tutto per proteggere la nostra terra e la nostra gente”, l’ha fatto sapere il presidente ucraino in un discorso video.

Stretta russa su circolazione cittadini nel Kherson

L’ha reso noto il vicecapo del consiglio regionale Yuriy Sobolevsky, citato dal Kyiv Independent: “La Russia sta cercando di limitare la circolazione dei cittadini di Kherson e sta bloccando le vie di uscita dalla regione, introducendo permessi di residenza”.

Unicef: “Soffriranno la fame 600mila bambini”

Il conflitto non sta riportando danni soltanto a edifici o strutture, chi sta pagando e pagherà le conseguenze sono i civili. Secondo l’Unicef, la malnutrizione estrema era già in aumento prima dell’inizio della guerra, ora è stata aggravata dall’aggressione russa. Questo perché i due Paesi interessati sono tra i maggiori produttori mondiali di cereali e diversi Paesi poveri sono particolarmente dipendenti da queste importazioni. Il conflitto sta registrando gravi conseguenze sulla sicurezza alimentare che, oltre all’aumento della fame, la situazione attuale porterà all’aumento del prezzo degli alimenti terapeutici utilizzati per rispondere alle situazioni di emergenza. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia stima circa 600mila bambini che potrebbero non avere accesso a tali trattamento.

La regione di Kiev riacquista accesso all’acqua

Le autorità locali, citate dal Kyiv Independent, hanno fatto sapere che tutte le comunità della regione di Kiev hanno riacquistato l’accesso all’acqua. Il capo dell’amministrazione militare regionale, Oleksandr Pavliuk, ha precisato che solo alcune case a Hostomel sono senza acqua a causa della mancanza di elettricità.

Ultime notizie