lunedì, 4 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, Zelensky visita le truppe. Oltre mezza Zaporizhzhia in mani russe. Londra invia missili a lungo raggio

Zelensky ha fatto visita alle truppe di difesa schierate in diverse parti della Nazione. Il governatore di Zaporizhzhia ha detto che il 60% della regione è in mano russa. Londra invia i primi missili a lungo raggio M270 e possono colpire obiettivi a distanza di 80 chilometri. Segretario della Difesa britannico: “Questo sistema aiuterà i nostri amici ucraini a difendersi a difendersi dalla brutalità della Russia”.

Da non perdere

Zelensky, durante il suo videomessaggio notturno alla Nazione, ha detto di aver incontrato i soldati di alcune zone più pesantemente bombardate. “Siamo stati a Lysychansk e a Soledar”, ha poi aggiunto: “Da loro abbiamo preso fiducia e forza”. Ha poi detto di aver fatto visita alle truppe schierate sulla prima linea di difesa orientale, in particolare a Bakhmut nel Donetsk, e nel Lugansk, dove il Presidente ha ascoltato informazioni “sulla situazione operativa in queste parti del fronte”, così si legge nella nota. Prima di visitare queste città, aveva visitato le truppe in prima linea nella regione sud-orientale di Zaporizhzhia. Il governatore di questa regione ha dichiarato che è occupata per circa il 60% dai russi. A Kiev fanno un bilancio dei soldati russi uccisi dall’inizio del conflitto: circa 31.250. Dall’Ucraina meridionale si fa sentire il sindaco di Mykolaiv, Oleksandr Sienkevych: “Sono state udite diverse esplosioni”. Da Londra arrivano a Kiev i primi missili a lungo raggio M270 che possono colpire obiettivi fino a 80 chilometri. Dal fronte energetico, lo stop a Gazprom potrebbe costare alla Germania circa 5 miliardi di euro a causa delle sanzioni russe.

Zaporizhzhia, il 60% è in mano russa

Il governatore della regione di Zaporizhzhia, Oleksandr Starukh, citato dal Kyiv Independent, parlando con il Presidente Zelensky in visita nella regione sudorientale, ha annunciato che “quasi il 60% della regione è occupato da truppe di Mosca”. “I russi hanno distrutto oltre 2.700 siti infrastrutturali nella regione e che 77 tra città e villaggi della regione sono senza elettricità a causa dei combattimenti”, ha spiegato Starukh.

I primi missili a lungo raggio M270 inviati da Londra

Il segretario della Difesa britannico, Ben Wallace, ha detto che Londra invierà i primi missili a lungo raggio M270 che possono colpire obiettivi fino a 80 chilometri; questo “aiuterà l’Ucraina a difendersi dalla Russia”. La Gran Bretagna si accoda e si coordina con gli Stati Uniti che, la scorsa settimana, hanno annunciato di fornire anche loro un sistema missilistico. Londra, però, non ha specificato quante armi invierà, secondo la BBC inizialmente saranno 3. Wallace ha poi continuato: “L’esercito ucraino sarà addestrato nelle prossime settimane nel Regno Unito su come utilizzare le armi. Mentre le tattiche della Russia cambiano, anche il nostro sostegno all’Ucraina deve cambiare”. Il sistema di missili che Londra si prepara a fornire può sparare 12 missili in un minuto e colpire con una precisione millimetrica; rispetto all’artiglieria attualmente in possesso dell’Ucraina, questa è di gran lunga migliore. Ha concluso: “Questi sistemi di lancio multiplo ad alta capacità consentiranno ai nostri amici ucraini di proteggersi meglio dall’uso brutale dell’artiglieria a lungo raggio che le forze di Putin hanno usato indiscriminatamente per radere al suolo le città”.

Stop a Gazprom potrebbe costare 5 miliardi di euro

Il settimanale tedesco Welt ma Sonntag ha scritto che le sanzioni della Russia contro Gazprom Germania potrebbero costare ai contribuenti e agli utenti tedeschi circa 5 miliardi di euro in più all’anno per pagare il gas sostitutivo. Il settimanale ha aggiunto che i costi aggiuntivi verrebbero trasferiti ai fornitori di energia e ai clienti finali sotto forma di una tassa sul gas a partiture da ottobre.

Ultime notizie