martedì, 31 Gennaio 2023

Donne bandite dall’università in Afghanistan: il degrado del XXI secolo

L'istruzione è una via di fuga e di salvezza, ha un'importanza fondamentale perché solo attraverso la conoscenza si riesce ad avere i mezzi per avviare le rivoluzioni, ed ecco che l'evoluzione viene brutalmente repressa impedendo alle donne di frequentare l'università.

Da non perdere

Vergognoso e ignobile. Sono gli unici due aggettivi per descrivere con una certa accuratezza la situazione delle donne in Afghanistan, dove oggi i talebani hanno deciso che il genere femminile non ha più diritto all’istruzione universitaria, dopo aver affermato il contrario lo scorso febbraio. La guerra maschilista e anti-progressista che gli uomini stanno portando avanti in alcuni Paesi è assolutamente priva di senso, voler sprofondare in regole che nel 2022 non sono socialmente accettabili, tornando ai secoli bui in cui la donna era poco più di un forno per creare figli. In certe culture, la figura femminile vale meno di zero, costretta a non mostrare il proprio aspetto indossando il velo, costretta a ossequiare il marito, costretta a punizioni corporali o condannata a morte se disobbedisce alle regole imposte da un governo patriarcale.

L’istruzione è una via di fuga e di salvezza, ha un’importanza fondamentale perché solo attraverso la conoscenza si riesce ad avere i mezzi per avviare le rivoluzioni, ed ecco che l’evoluzione viene brutalmente repressa impedendo alle donne di frequentare l’università, togliendo così la possibilità di cambiare il mondo, il loro mondo, un mondo che le sta affossando. Eh, brutta bestia la paura, soprattutto quando un governo teme di non poter sopravvivere in un mondo progressista con una mentalità retrograda che poco si addice all’epoca attuale. Restrizioni, obblighi e adesso questo. Tra ragazze uccise per un velo indossato male, perché si ribellano a leggi misogine, perché lottano per i propri diritti, perché non rispecchiano i canoni imposti, perché semplicemente donne, echeggia solo la domanda se il mondo evoluto abbia intenzione di agire per cambiare queste situazioni o di rimanere a osservare impotente il degrado che nel XXI secolo non dovrebbe neanche esistere.

Ultime notizie