lunedì, 4 Luglio 2022

Guerra in Ucraina, fossa comune vicino Bucha: 7 civili torturati e uccisi. Media russi: “Kiev bombarda il Donetsk”

Dall'inizio del conflitto i russi hanno ucciso più di 22mila persone a Mariupol. Oltre 50mila civili sono stati deportati forzatamente in Russia e nei territori occupati delle repubbliche separatiste. Secondo l'agenzia RIA Novosti l'armata di Kiev starebbe bombardando il Donetsk. Portavoce filorusso: "A Severodonetsk arrendersi o morire".

Da non perdere

Trovata un’altra fossa comune nella regione di Kiev, vicino a Bucha. Sette persone sono state torturate e uccise con un colpo alla testa. Alcuni di loro avevano le mani legate e ferite da arma da fuoco alle ginocchia”, questa l’ennesima sconcertante notizia diffusa da Andrii Nebytov, capo della Polizia nella regione della Capitale ucraina. “Questa fossa è stata scoperta oggi, proprio dove erano di stanza i soldati russi, vicino al villaggio di Myrotské”, area a 10 chilometri a nord-ovest di Bucha e a 35 chilometri da Kiev. A Mariupol, tra le città simbolo di questo sanguinoso conflitto, i russi hanno ucciso più di 22mila persone. Lo ha riportato The Kyiv Independent, citando l’amministrazione dell’oblast di Donetsk. Secondo i primi bilanci pare che più di 50mila civili siano stati deportati forzatamente in Russia e nei territori occupati dell’oblast di Donetsk. Sempre a Mariupol, gli invasori stanno accelerando la ricostruzione della ferrovia, con l’obiettivo di renderla funzionante per permettere l’arrivo di equipaggiamenti militari e riuscire a far partire i beni saccheggiati in città.

Filorussi: “A Severodonetsk possono arrendersi o morire”

La resistenza ucraina che sta difendendo la propria terra a Severodonetsk, città ormai occupata dai nemici, può “arrendersi o morire“; così ha tuonato Eduard Basurin, portavoce militare dei separatisti filorussi della regione di Donetsk, citato da Sky News. “Le divisioni ucraine che sono lì vi rimarranno per sempre; non hanno altra scelta, se non arrendersi o morire“. Basurin ha inoltre spiegato cha sarà impossibile per le forze ucraine abbandonare la città, in quanto l’ultimo ponte che la collegava strategicamente a Lysychansk è stato completamente distrutto.

Media russi: “Ucraini bombardano il Donetsk”

L’agenzia di stampa RIA Novosti ha fatto sapere che l’armata di Kiev starebbe bombardando incessantemente il Donetsk. Alcune fonti riferiscono di aver avvertito molte esplosioni provenienti dal centro della cittadina separatista. La notizia arriva dopo la denuncia di stamattina delle forze filorusse; secondo queste ultime l’esercito di Kiev avrebbe colpito il mercato Maysky nel distretto Budyonnovsky, sempre nei pressi del Donetsk. Le autorità separatiste hanno dichiarato che a seguito di questo attacco sono morte 3 persone, tra cui un bambino, e ne sono rimaste ferite altre 18.

Kiev: “Per terminare la guerra serve parità armi pesanti”

Per porre fine alla guerra in Ucraina serve parità di armi pesanti in campo“, così ha scritto Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky, sul suo profilo Twitter. Il post rappresenta l’ennesima richiesta di armi all’Occidente. Podolyak ha spiegato che verrà deciso quanta artiglieria verrà inviata dagli alleati nel corso della riunione del Consiglio Nord Atlantico di ministri della Difesa, che si terrà mercoledì.

Ultime notizie