giovedì, 18 Luglio 2024

Guerra in Ucraina, la moglie di Zelensky alle combattenti: “Siete le nostre eroine.” Erdogan e Putin verso nuovo hub energetico in Turchia

Ankara e Mosca costruiranno insieme un hub per il gas russo nella regione della Tracia. A confermarlo è lo stesso Erdogan, che ha accolto l'idea lanciata da Putin. Il presidente turco ha fatto sapere di avere discusso con Putin riguardo all'esplosione sul ponte che collega la Crimea alla Russia, e di avere ascoltato le ragioni di Mosca a riguardo.

Da non perdere

“Una donna in uniforme. Forse non la conosci personalmente, ma non riesci a distogliere lo sguardo da lei. Perché dietro questa divisa c’è la scelta più importante della vita. Forse indossa l’uniforme dal 2014. O forse l’ha indossata dopo l’invasione russa su vasta scala. Potrebbe essere un militare professionista, o forse un insegnante che è venuta in difesa dei suoi cari”. È quanto scritto in un post dalla First Lady ucraina, Olena Zelenska, in occasione della giornata dedicata ai difensori dell’Ucraina. “Dopo le battaglie più accese, scrive alla sua famiglia e ai suoi cari che va tutto bene e che presto staranno insieme. Comanda l’artiglieria o fa volare il drone. Oppure lavora, affinché medicine e cibo arrivino in tempo all’esercito. È una combattente. Difende perché ama”. Zelenska ha ricordato che più di 41mila donne sono attualmente arruolate nell’esercito, di cui oltre 8mila ufficiali. Altri 18mila sono quelli che lavorano nelle retrovie per mantenere in funzione l’esercito. “Grazie, difensori! Siete le nostre eroine e i nostri eroi. Le vostre famiglie hanno bisogno di voi. Ci abbracceremo di nuovo tutti, per ogni giorno della nostra vita”, conclude.

Kiev riconquista 600 insediamenti russi in Donbass

L’esercito ucraino, intanto, ha riconquistato oltre 600 insediamenti russi nell’ultimo mese. Compresi i 75 considerati altamente strategici nell’oblast di Kherson. A dichiararlo è il ministero per il reintegro dei territori occupati, citato dal Guardian. Almeno 52 dei villaggi liberati si trovano nella regione nord-orientale di Kharkiv, dove le forze ucraine sono penetrate in profondità. Il ministero ha aggiunto che 43 insediamenti liberati si trovano nella regione di Donetsk e 7 in quella di Lugansk, entrambe nel Donbass. “Russia e altri Paesi continuano a fidarsi della Turchia per quanto riguarda la mediazione”, ha detto invece Erdogan. Il presidente turco ha fatto sapere di avere discusso con Putin riguardo all’esplosione sul ponte che collega la Crimea alla Russia, e di avere ascoltato le ragioni di Mosca a riguardo.

Turchia e Mosca pronte a dar vita ad un nuovo hub energetico europeo

Nel frattempo, sono in corso i negoziati tra le parti per estendere l’accordo sull’esportazione di grano dall’Ucraina. E c’è la possibilità che venga raggiunto un consenso. “Sono in corso i negoziati per estendere l’accordo sotto il coordinamento di Turchia e Onu“, rivela una fonte. “Si spera che le parti raggiungano un consenso”. Istanbul è la sede dove quest’estate è stato raggiunto un accordo, e dove è stato istituito il centro per coordinare l’esportazione del grano dall’Ucraina. Ankara e Mosca, poi, costruiranno insieme un hub per il gas russo nella regione della Tracia. A confermarlo è lo stesso Erdogan, che ha accolto l’idea lanciata da Putin. “Con Putin abbiamo dato istruzioni alle istituzioni rilevanti per la costruzione del blocco energetico”, afferma Erdogan. “L’idea è quella di creare un hub energetico in Turchia per esportare il gas russo in Europa“.

Ultime notizie