venerdì, 19 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, bombardamenti su Kharkiv. Kiev: “Russi convocano civili del Lugansk per un lavoro e invece li arruolano”

Nuove esplosioni sulla città di Kharkiv; al momento ci sono 3 feriti e non è ancora chiaro se vi siano vittime. Kiev accusa Mosca di star convocando civili del Lugansk per un "lavoro", costringendoli poi ad arruolarsi nelle proprie file. Una procura russa ha chiesto 7 anni di carcere per il consigliere Aleksei Gorinov, accusato di tradimento.

Da non perdere

Ancora esplosioni a Kharkiv. Sui social rimbalzano foto e video delle nuvole di denso fumo nero che sovrastano la città, al momento ci sono almeno 3 feriti e non è ancora chiaro se vi siano vittime. “Secondo informazioni non confermate sono stati registrati missili nemici in diverse aree dopo i bombardamenti sono scoppiati forti incendi in città“, riporta l’agenzia di stampa ucraina Unian. “Chiediamo ai residenti di Kharkiv di essere il più attenti possibile, di non sostare per le strade della città senza un’urgenza. Dopotutto, il nemico colpisce insidiosamente, colpendo aree residenziali e infrastrutture civili“, sostiene il capo della regione Sinegubov.

Intanto il vice capo del dipartimento operativo principale dello stato maggiore dell’esercito di Kiev, Oleksiy Gromov, fa sapere che “l’Aeronautica Militare delle Forze Armate dell’Ucraina assieme alle unità delle forze missilistiche e dell’artiglieria hanno svolto oggi una serie di missioni contro più di 20 centri russi di controllo di vario livello, inclusi magazzini e stazioni radar“.

Russi convocano civili ucraini per un “lavoro” e invece li arruolano

“Le forze di occupazione russe stanno accumulando forze tra i locali nelle città temporaneamente occupate di Lysychansk e Sievierdonetsk nella regione di Lugansk. Come succede? Un uomo viene invitato a un lavoro, ad esempio presso una centrale idrica, e pochi giorni dopo riceve una convocazione invece dei primi soldi. Viene chiamato dalla nuova patria“. A denunciarlo è il capo dell’Amministrazione militare regionale di Lugansk, Serhii Haidai. In pratica, gli occupanti starebbero cercando attraverso più di uno stratagemma di arruolare il popolo di Sievierdonetsk e Lysychansk, tentando di “superare la resistenza dei combattenti ucraini“. “Non sono in grado di combattere ad armi pari, non sono nemmeno in grado di sfruttare il quintuplicato vantaggio. Quando è dieci volte maggiore e viene concesso di distruggere le grandi città, ottengono qualche risultato”, ha aggiunto Haidai.

Procura russa chiede 7 anni di carcere per un oppositore

La macchina della giustizia russa si è messa in moto da mesi per stanare presunti traditori della patria o disertori. Oggi, una procura russa ha chiesto sette anni di carcere per il consigliere municipale Aleksei Gorinov, accusato di aver diffuso “false notizie” sulle forze armate impegnate nell’invasione dell’Ucraina. Così facendo, stando a quanto dice la procura, Gorinov “ha indotto in errore un gran numero di persone“.

Ultime notizie