domenica, 22 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, colpiti 18 oblast. Zelensky: “L’Ucraina è solo un cancello Putin vuole l’Europa”

Secondo Ucraina24, le forze russe avrebbero lanciato diverse bombe al fosforo sulle città, rese illegali dal protocollo della Convenzione Onu. Nell'ultimo rapporto operativo dell'esercito ucraino si legge che i russi hanno bloccato l'accesso al Mar d'Azov. Questa mattina, intanto, Zelensky è intervenuto al Parlamento italiano.

Da non perdere

Sirene antiaeree e bombe al fosforo. Si è svegliata così la città di Kiev, all’alba del ventisettesimo giorno consecutivo di attacchi da parte dei russi. Per l’Indipendent, il suo giornale locale, ad essere presi di mira, durante la notte, sono stati gli oblast di Sumy, Mykolaiv, Ternopil, Poltava, Kirovohrad, Kharkiv, Zaporizhzhya, Leopoli, Ivano-Frankivsk, Zakarpattya, Chernivtsi, Dnipropetrovsk, Rivne, Volinia, Cherkasy, Khmelnytsky e Odessa.

Bombe al fosforo e Mar d’Azov bloccato

Secondo Ucraina24, le forze russe avrebbero lanciato diverse bombe al fosforo sulle città, rese illegali dal protocollo della Convenzione Onu. Nell’ultimo rapporto operativo dell’esercito ucraino, invece, si legge che i russi hanno bloccato l’accesso al Mar d’Azov, mentre la città di Makariv sarebbe stata liberata dalle truppe amiche. A Zaporizhzhya, poi, i militari russi hanno arrestato diversi giornalisti del quotidiano Melitopolski Vidomosti, e li hanno condotti in un luogo sconosciuto.

Le ipotesi di Kiev e le repliche di Mosca

L’esercito di Kiev, intanto, sostiene che le forze di occupazione russe abbiano scorte di munizioni e cibo per non più di tre giorni. A detta dei funzionari la situazione è simile anche per quanto riguarda il carburante, con l’incapacità della Russia di organizzare un gasdotto per soddisfare le esigenze delle truppe. Mosca, di suo, replica alle accuse di Biden: “Non abbiamo armi chimiche o biologiche in Ucraina. Quelle degli americani sono malevoli insinuazioni. Le ascoltiamo ogni volta, e forniamo sempre risposte esaustive”.

L’intervento di Zelensky a Montecitorio

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto questa mattina al Parlamento italiano: “Oggi ho avuto modo di parlare con Papa Francesco, che mi ha detto cose importanti. Capisco che voi italiani desideriate la pace, ma sono morti 117 bambini: è questo il prezzo della procrastinazione. L’invasione russa sta distruggendo le nostre vite, le nostre città sono state rase al suolo. Moriranno altre persone, altri bambini. Ogni mattina ci svegliamo col suono delle sirene di guerra e delle bombe. E tutto questo a causa di una sola persona. Mariupol è stata letteralmente cancellata. Immaginate la vostra Genova completamente distrutta. L’Ucraina è solo un cancello per i russi, statene pur certi. Loro vogliono l’Europa. Lui vuole l’Europa, e di questo passo se la prenderà”.

 

Ultime notizie