domenica, 29 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, partiti altri autobus da Mariupol. Incidente stradale a Rivne, 26 morti. Bielorussia avvia esercitazioni militari

Un incidente stradale nella regione di Rivne ha causato la morte di 26 persone. Da Mariupol partito altro convoglio di autobus pieno di sfollati. Proseguono i bombardamenti nel Luhansk causando morti, il governatore regionale Serhiy Haidai ha dato la notizia aggiungendo che 45 case e altri oggetti sono stati danneggiati.

Da non perdere

Dopo le dichiarazioni di Mario Draghi all’europarlamento, Ursula von der Layen ha affermato che l’Unione europea smetterà di importare petrolio russo entro la fine dell’anno come parte di un nuovo ciclo di sanzioni. Intanto, in Ucraina oltre ai bombardamenti e alla paura per la guerra, si aggiungono altre tragedie come l’incidente stradale.

Rivne, incidente stradale: sale a 26 il numero delle vittime

Il ministero degli Interni ucraino ha diramato un comunicato nel quale conferma l’incidente stradale accaduto ieri nella regione di Rivne.In totale, sono morte 26 persone: 24 passeggeri e due autisti (di un minibus e di un autobus). Altre 12 persone sono rimaste ferite. Tutti i passeggeri avevano un’età compresa tra i 17 e i 69 anni. Il più giovane avrebbe dovuto compiere 18 anni il 12 maggio“, ha scritto Denys Monastyrsky. L’autobus era diretto in Polonia e trasportava 34 passeggeri.

Mariupol, partito un altro convoglio di autobus

Continua l’esodo dei cittadini di Mariupol verso zone più sicure del Paese. Altri autobus hanno lasciato la città portuale oggi, 4 maggio, in un nuovo tentativo da parte dell’Ucraina, delle Nazioni Unite e del Comitato internazionale della Croce Rossa di evacuare i civili del centro sito nella regione di Donetsk. Gli autobus sono diretti verso la città di Zaporizhzhia, ha detto il governatore regionale Pavlo Kyrylenko. Non è chiaro se altri civili siano stati evacuati dall’acciaieria Azovstal, dove continuano ad esserci scontri tra l’esercito di Kiev e le forze militari di Mosca.

Luhansk, morte 2 persone a causa dei bombardamenti

I bombardamenti russi nella regione di Luhansk hanno causato altre morti. “Due persone sono rimaste senza vita: una donna di Lysychansk e un uomo di Popasna. Due donne di Lysychansk sono rimaste ferite“. Queste le parole con il quale il governatore regionale Serhiy Haidai ha dato la notizia aggiungendo che 45 case e altri oggetti sono stati danneggiati. “Quattro case a Severodonetsk, 12 a Lysychansk, sette a Orekhov, sei a Rubizhne, quattro a Gorny, quattro a Popasna, due a Vrubivka“, ha poi aggiunto. Inoltre, l’edificio del Luhansk Medical Center for Dangerous Infectious Diseases a Lysychansk, così come una delle scuole della città, sono stati inghiottiti dalle fiamme.

Bielorussia, avviate esercitazioni militari

Le forze armate della Bielorussia hanno avviato alcune esercitazioni improvvise per testare la loro prontezza al combattimento, ha riferito l’agenzia di stampa russa TASS citando il ministero della Difesa di Minsk. Sullo sfondo dell’invasione russa dell’Ucraina, la Bielorussia ha affermato che l’esercitazione non rappresenta una minaccia per i suoi vicini o per la comunità europea in generale.

Ultime notizie