venerdì, 19 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, oggi a Istanbul firma accordo export grano. Mosca inserisce altri 5 Stati europei in lista “Paesi ostili”

Prevista per oggi, a Istanbul, la firma dell'accordo per esportazione grano ucraino; non ci sarà uno sminamento completo. Mosca ha inserito nella lista dei Paesi ostili anche Grecia, Danimarca, Croazia, Slovenia e Slovacchia. Si contano ancora morti nel Donetsk: 5 civili uccisi e 10 feriti.

Da non perdere

Mosca ha annunciato che circa 28mila persone sono state evacuate dalle regioni pericolose ucraine e trasportate nel territorio russo. Tutto questo, senza “la partecipazione delle autorità ucraine”. Sul fronte export grano oggi a Istanbul si firmerà il tanto atteso accordo. Contemporaneamente, sono emersi i primi dettagli che prevedono la rimozione di alcune mine vicino ai porti dell’Ucraina meridionale, ma non lo sminamento completo. Sul fronte della guerra, si contano ancora i morti nel Donetsk. Cinque civili sono stati uccisi e altri 10 feriti a causa dei bombardamenti avvenuti nella giornata di ieri.

Mosca: “28mila persone evacuate in 24 ore”

Il capo del coordinamento interdipartimentale della Federazione Russa per la Risposta Umanitaria, il generale Mikhail Mizintsev, ha reso noto che nelle ultime 24 ore circa 28mila persone, tra cui 4.611 bambini, sono state evacuate dalle regioni ritenute pericolose dell’Ucraina e delle Repubbliche del Donbass e trasportate nel territorio russo. Inoltre, ha affermato che “nonostante gli ostacoli dal regime di Kiev, siamo riusciti a portare a termine le evacuazioni senza la partecipazione delle autorità ucraine“.

Russia mette Grecia, Danimarca, Croazia, Slovacchia e Slovenia nella lista “Paesi ostili”

Il servizio stampa del governo russo ha dichiarato, attraverso un comunicato, che la lista dei Paesi ostili è stata aggiornata con un decreto firmato dal primo ministro Mikhail Mishustin. All’interno del comunicato si legge: “Il governo ha aggiornato l’elenco degli Stati stranieri che commettono atti ostili nei confronti delle missioni diplomatiche e consolari russe all’estero. L’elenco comprende ora anche Grecia, Danimarca, Slovacchia, Slovenia e Croazia“.

Export grano, oggi firma dell’accordo a Istanbul

Nel pomeriggio di oggi 22 luglio a Istanbul, i rappresentanti di Ucraina, Russia, Turchia e il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, firmeranno l’atteso accordo per riprendere le esportazioni del grano ucraino attraverso il Mar nero. Sono emersi già i primi dettagli e, quasi immediatamente, le quotazioni del grano sono scese dell’1.39% a 849,25 dollari per contratto da 5mila staia.

Dettagli accordo: no sminamento completo

Sono emersi i primi dettagli dell’accordo sul transito del grano. Ci sarà una rimozione parziale delle mine vicino ai porti dell’Ucraina meridionale, ma non sarà effettuato lo sminamento completo. La Marina e la Guardia Costiera di Kiev si occuperà di garantire il passaggio delle navi in acque internazionali; invece, gli equipaggi stranieri porteranno le navi a Istanbul. Successivamente, saranno inviate alle loro destinazioni finali. Tutta la parte delle ispezioni sarà assicurata dalla Turchia.

Donetsk, bilancio civili coinvolti: 5 morti 10 feriti

Le autorità locali ucraine citate da Ukrinform hanno riportato il bilancio dei civili coinvolti nei bombardamenti nel Donetsk: 5 rimasti uccisi e 10 feriti. L’ha confermato il capo dell’amministrazione militare regionale, Pavlo Kyrylenko: “Il 21 luglio, i russi hanno ucciso i civili nella regione di Donetsk, 3 a Siversk, 1 a Pavlivka e un altro a Marinka. Altri 10 sono stati feriti”.

Zelensky: “Mosca si prepari a perdite significative”

Nel consueto videomessaggio serale, Zelensky, dopo un incontro con i suoi vertici militari, ha riferito quanto emerso dalla “staff meeting”: “Abbiamo la capacità di infliggere significative nuove perdite agli occupanti“.

Ultime notizie