lunedì, 23 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, a Zaporizhzhia i primi evacuati da Mariupol. Azovstal, 200 civili ancora dentro l’acciaieria

I primi civili evacuati da Mariupol sono arrivati a Zaporizhzhia, nel quale sono scattate le sirene antiaeree. La Russia parla di nuove esplosioni a Belgorod, mentre continua ad evacuare civili dall'Ucraina.

Da non perdere

Non è un mistero o una novità degli ultimi giorni il fatto che il conflitto tra Ucraina e Russia si sia spostato nel parte orientale del Paese. Mosca vuole appropriarsi, oltre che del Donbass, dello strategico porto di Mariupol. A confermare la strategia è l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’OSCE Michael Carpenter. Secondo Washington, il Cremlino cercherà di annettere le regioni di Luhansk e Donetsk e dichiarare Kherson indipendente in modo tale da potersi collegare con la Crimea.

Dnipro e Zaporizhia: suonano le sirene antiaeree

Nei centri di Dnipro e Zhaporizhia sono scattate le sirene antiaeree. Il governatore regionale, Oleksandr Starukh, ha invitato gli abitanti delle cittadine di Vasylivka e Tokmok ad utilizzare il “corridoio verde” aperto per l’evacuazione dei civili. Secondo fonti militari ucraine, la Russia sta concentrando le truppe, rafforzando l’artiglieria e le unità di difesa aerea nelle zone di Zaporizhzhia, Kryvyi Rih e Mykolaiv. L’amministrazione militare regionale di Zaporizhzhia ha riferito che l’esercito invasore sta cercando di stabilire una rete di supporto logistico per le truppe in queste aree.

Zaporizhzhia, arrivati i primi evacuati da Mariupol

Intanto, sempre a Zaporizhzhia sono arrivati i primi 100 civili evacuati dall’acciaieria Azovstal di Mariupol nella tarda serata di ieri secondo quanto riportato dai media internazionali citando la polizia militare ucraina. Si tratta principalmente di donne, bambini e anziani, che ora avranno accesso a cure mediche, cibo, medicine e assistenza psicologica. L’evacuazione da Mariupol, secondo le autorità locali, è ripresa oggi, martedì 3 maggio, alle 7 orario locale.

Azovstal, 200 civili ancora all’interno dell’acciaieria

Più di 200 civili sono ancora rintanati con i combattenti nell’enorme acciaieria nella città di Mariupol, ha detto il sindaco. Vadym Boychenko ha riferito che circa 100mila civili sono ancora nella città dell’Ucraina meridionale che è stata occupata dalle forze russe.

Donetsk, bombardamenti uccidono tre persone

Almeno tre civili sono stati uccisi nel bombardamento russo della città di Vuhledar nella regione di Donetsk. Lo ha comunicato l’ufficio del presidente ucraino. Altre aree di Donetsk si trovato sotto il fuoco costante e le autorità regionali stanno cercando di evacuare i civili dalle zone maggiormente bersagliate.

Belgorod, avvertite nuove esplosioni

Nuove esplosioni sono state udite nella regione russa di Belgorod. L’agenzia di stato russa RIA Novosti ha riferito il suono di un’esplosione nel centro dell’omonimo distretto. Il canale Telegram locale “Belgorod n.1”, nello stesso momento, ha segnalato una serie di deflagrazioni.

Evacuati in Russia 11.550 persone nelle ultime 24 ore

L’esercito di Mosca ha evacuato in Russia, nelle ultime 24 ore, 11.550 persone dall’Ucraina, inclusi1.847 bambini. A renderlo noto, il ministero della Difesa russo. Dall’inizio del conflitto, la Russia ha evacuato dall’Ucraina un totale di 1.092.137 persone, tra cui 196.356 bambini.

Ultime notizie