sabato, 20 Agosto 2022

Palermo, droga dal balcone col cestino: tre arresti

È avvenuto tra Monreale e il quartiere Boccadifalco di Palermo. I carabinieri della compagnia di Monreale hanno eseguito un'ordinanza cautelare nei confronti di 4 persone. All'operazione è stato attribuito il nome in codice "panaro", che in siciliano vuol dire appunto paniere, poiché gli inquisiti consegnavano gli stupefacenti agli acquirenti attraverso un paniere calato giù dal balcone.

Da non perdere

È avvenuto tra Monreale e il quartiere Boccadifalco di Palermo. I carabinieri della compagnia di Monreale hanno eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 4 persone. Di queste, 3 sono state portate in carcere. Il quarto, invece, è stato sottoposto ad obbligo di dimora e di presentazione alla Procura Generale. Le accuse sono quelle di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Il provvedimento, emesso dal gip di Palermo su richiesta della Procura, è scattato a seguito dell’indagine condotta dai militari tra agosto e dicembre 2020.

Modus operandi

All’operazione è stato attribuito il nome in codice “panaro”, che in siciliano vuol dire appunto paniere, poiché gli inquisiti consegnavano gli stupefacenti (crack e cocaina) agli acquirenti attraverso un paniere calato giù dal balcone. Ciò dopo aver fissato con loro un appuntamento telefonico. L’organizzazione, inoltre, si sarebbe avvalsa dell’ausilio di due mogli degli arrestati, anche loro indagate, ma che non sono state sottoposte a provvedimenti cautelari. Le donne utilizzavano le proprie abitazioni, nonostante la presenza di figli minori, come veri e propri laboratori di lavorazione degli stupefacenti. 

Le cifre

Il guadagno stimato si aggira attorno ai 100mila euro l’anno. Denaro in larga parte utilizzato per garantire il sostentamento dei familiari degli indagati durante i periodi di detenzione, nonché per il pagamento delle spese legali. Nel corso dell’indagine, 4 persone sono state arrestate in flagranza di reato, 7 assuntori sono stati segnalati alla prefettura, e sono state sequestrate circa 150 dosi di stupefacente.

Ultime notizie