mercoledì, 17 Agosto 2022

Armi da guerra e droga per 1 milione interrati sui Monti Lattari: arrestato membro clan Afeltra – Di Martino

Più di 35 chili di cocaina e varie armi da guerra ritrovate alle pendici dei Monti Lattari. Così si è conclusa l'operazione Green Life da parte dei Carabinieri di Castellammare di Stabia.

Da non perdere

Cinquanta chili di droga e svariate armi da guerra interrate vicino ad un porcile. Questo il “bottino” scoperto dai Carabinieri alle pendici dei Monti Lattari, tra Castellammare di Stabia e Sorrento. Le Forze dell’Ordine sono state affiancate da un drone a guida remota dei militari del nucleo investigativo di Napoli.

Operazione Green Life

L’operazione, denominata “Green Life”, ha permesso ai Carabinieri di trovare la droga in una zona che è morfologicamente uno spartiacque naturale e favorisce la criminalità per nascondere droga e armi quasi impossibili da scovare o raggiungere. Le indagini hanno portato all’arresto di un 41enne di Agerola, ritenuto elemento di spicco del clan Afeltra – Di Martino. Nel suo fondo agricolo, accanto ad un porcile, le Forze dell’Ordine hanno trovato una pistola Desert Eagle calibro 44 e una mitragliatrice Micro Uzi calibro 9. Armi da guerra, avvolte in una busta di cellophane e sotterrate insieme ad alcune cartucce. L’allevatore adesso si trova in carcere e dovrà rispondere di detenzione illegale di armi clandestine e munizioni. Ma non è finita qui.

L’operazione “Green Life” ha portato alla scoperta di 35 chili e mezzo di polvere bianca finissima compattata in 31 sacchi di cellophane, dal valore commerciale che al dettaglio avrebbe fruttato circa 1 milione di euro. Oltre alla cocaina, sono stati trovati anche 20 chili di marijuana già essiccata, pronta per essere venduta. Nel conto anche un bilancino di precisione e 2 flaconi di fertilizzante.

Ultime notizie