domenica, 26 Settembre 2021

Tragedia del Mottarone, Nerini e Perocchio respingono le accuse: nel pomeriggio i funerali della coppia barese

Nel pomeriggio i funerali della coppia di origine barese. Due degli arrestati intanto, respingono le accuse

Da non perdere

Si svolgeranno oggi pomeriggio, a Triggiano, i funerali per la coppia di origini baresi deceduta 5 giorni fa nella tragedia della funivia che collega Stresa con il Mottarone, il 23 maggio, in cui hanno perso la vita 14 persone. Solo un sopravvissuto, il piccolo Eitan, 5 anni, che ha riaperto gli occhi dopo l’intervento e il coma indotto e che si trova ora con la zia, che si prenderà cura di lui.

Negligenza o condotta sconsiderata “ma sottovalutare il danno è più grave dello sbaglio” ha detto nei giorni scorsi il Comandante dei Carabinieri; nella tarda notte di martedì 25 sono stati eseguiti tre arresti. Luigi Nerini, titolare delle Ferrovie del Mottarone, Enrico Perocchio, direttore del servizio, e Gabriele Tadini, capo servizio, avrebbero fatto viaggiare la cabina con i forchettoni inseriti.

Accuse che però Nerini e Perocchio respingono, tanto che lo stesso Nerini ha raccontato di aver fatto viaggiare i figli sulla funivia, negando il movente economico. Anche Perocchio respinge le accuse.

Alcune delle vittime nella giornata di ieri sono potute “tornare a casa”, per i loro funerali a Varese, a Diamante, dove è stato indetto il lutto cittadino, e a Tel Aviv.

Ultime notizie