giovedì, 18 Luglio 2024

Guerra in Ucraina, Kiev abbatte droni a Dnipropetrovsk. Johnson: “Occidente dia le armi a Zelensky”

Le forze di difesa dell'Ucraina hanno abbattuto tre droni nella regione di Dnipropetrovsk nella notte appena trascorsa. L’ex primo ministro britannico Boris Johnson ha criticato il Governo del suo Paese e gli alleati per aver ritardato la consegna di armi a Kiev e ha suggerito di farlo il prima possibile.

Da non perdere

Le forze di difesa dell’Ucraina hanno abbattuto tre droni nella regione di Dnipropetrovsk nella notte appena trascorsa. Lo ha riferito Serhii Lysak, capo dell’amministrazione militare regionale di Dnipropetrovsk, in un post su Telegram. “Di notte, i difensori del cielo dell’Air Command East hanno abbattuto tre droni sulla regione. I detriti di uno di loro sono caduti nella comunità Pershotravneve, distretto di Nikopol. Una casa privata è stata parzialmente distrutta. Altri sei sono stati danneggiati. Otto edifici domestici e anche tre auto hanno subito danni. L’erba secca ha preso fuoco. I soccorritori hanno spento l’incendio“, si legge nel comunicato di Lysak.

I russi starebbero cercando di trovare un modo per terrorizzare la riva destra del fiume Dnipro, secondo le fonti di Natalia Humeniuk, capo del Centro stampa di coordinamento congiunto delle Forze di difesa del sud. Humeniuk lo ha dichiarato nel corso del telethon nazionale United News. Nella sola giornata di ieri, 13 settembre, l’esercito russo ha lanciato 82 bombardamenti sulla regione di Kherson, uccidendo una persona, stando a quanto riferito da Ukrinform.

Un drone è invece stato abbattuto mercoledì sera nella regione russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina, ha riferito il ministero della Difesa russo. Aeroflot non prevede di ridurre i voli notturni negli aeroporti di Mosca a causa dei droni ucraini. Il direttore generale del gruppo, Sergei Aleksandrovsky, ha dichiarato che al momento, addirittura 19 voli del gruppo sono stati inviati ad aeroporti alternati in un solo giorno.

Boris Johnson: “Occidente si sbrighi a dare le armi Kiev”

L’ex primo ministro britannico Boris Johnson, durante la sua visita a Leopoli, ha criticato il Governo del suo Paese e gli alleati per aver ritardato la consegna di armi all’Ucraina e ha suggerito di farlo il prima possibile. “Gli ucraini hanno bisogno di sistemi di difesa aerea portatili (Manpad) per abbattere gli elicotteri russi. Hanno bisogno di sistemi in stile Patriot per proteggersi dagli attacchi aerei, e hanno bisogno di una migliore artiglieria a lungo raggio per abbattere le posizioni russe“. Così ha scritto Johnson per una rubrica di The Spectator.

Ultime notizie