mercoledì, 24 Luglio 2024

Russia, colloquio Prigozhin-Lukashenko: il Gruppo Wagner ferma la marcia su Mosca

Mosca si blinda in vista dell'arrivo delle truppe del Gruppo mercenari Wagner. Evacuati edifici pubblici. Le truppe cecene di Ramzan Kadyrov sarebbero arrivate a Rostov e starebbero attendendo ordini dl Cremlino. Poi arriva il colloquio tra Prigozhin e Lukashenko. La marcia su Mosca è finita.

Da non perdere

La capitale russa, Mosca, si blinda in vista dell’arrivo delle truppe del Gruppo mercenari Wagner. Prigozhin ed i suoi uomini avrebbero superato Yelets e sarebbero a 200 chilometri dalla città. Gli edifici pubblici come centri commerciali e musei sono stati evacuati, la BBC russa ha pubblicato video dove si vedono persone lasciare velocemente tutti i complessi adiacenti al Cremlino. Inoltre sono state chiuse tutte le via del fiume Moscova. Le truppe cecene di Ramzan Kadyrov sarebbero arrivate a Rostov e starebbero attendendo ordini da Mosca. A Kolomna un ponte sarebbe stato deviato dai militari russi in modo da rallentare l’avanzata di Prigozhin.

Nella regione russa di Lipetsk, le autorità hanno ordinato che le strada in direzione Mosca venga divelta per rallentare l’avanzata del convoglio di Prigozhin. Il sindaco della capitale, Serghei Sobyanin, avrebbe dichiarato lunedì giornata non lavorativa, come riferito da TASS. Le misure di sicurezza sarebbero in costante rafforzamento all’altezza di una serie di punti di ingresso alla città, in particolare sulla tangenziale, nell’area di Yasenevo. Un posto di blocco sarebbe stato fornito di lanciagranate e un veicolo corazzato. Lo ha riportato l’agenzia RIA Novosti. Altre fonti locali riferirebbero che il convoglio dei mercenari Wagner sarebbe ormai alle porte di Mosca.

Il presidente bielorusso Lukashenko, però, avrebbe avuto poco fa un colloquio con Prighozin. Il leader del Gruppo Wagner, secondo Minsk, avrebbe accettato di allentare le tensioni e non proseguire la marcia finale verso Mosca: è arrivata anche la conferma del capo dei mercenari. Sarebbero state inoltre concordate azioni congiunte tra Russia e Bielorussia per affrontare la delicata questione. Lo avrebbe comunicato l’agenzia stampa di stato di Minsk. Dalla regione di Lipetsk, secondo Chronocol, giungerebbero notizie circa l’arresto di alcune colonne del convoglio Wagner, mentre altre fonti parlano di perdono dei combattenti.

Medvedev: “Colpo di Stato”. Biden parla con gli alleati

Se tutti, o quasi, sono prudenti nel definire l’azione di Prigozhin un colpo di stato, il vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo Dmitry Medvedev, non ha dubbi a riguardo: “Quanto sta accadendo in Russia, l’ammutinamento dei mercenari di Wagner, è un colpo di Stato organizzato“. Lo ha riferito su Telegram l’ex presidente russo. Il Ministero degli Esteri russo ha messo in guardia i Paesi occidentali dallo sfruttamento della situazione. “Stiamo mettendo in guardia i paesi occidentali contro qualsiasi accenno di un potenziale utilizzo della situazione interna russa per il raggiungimento dei loro obiettivi russofobici. Tali tentativi sono privi di prospettive e non saranno incoraggiati“, ha dichiarato il Ministero.

La Casa Bianca ha fatto sapere attraverso un comunicato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avuto questo pomeriggio un colloquio congiunto con i presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, ed il primo ministro del Regno Unito Rishi Sunak. I leader politici hanno discusso dell’escalation che sta interessando Russia e Mosca in particolare. Intanto Prigozhin ha dichiarato su Telegram che l’obiettivo non era sostituire il presidente russo Vladimir Putin, ma il ministro della Difesa Sergej Shoigu.

Ultime notizie