martedì, 16 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, 2 civili uccisi a Mykolayiv. Scontri a Kramatorsk Sloviansk e Izyum: 346 minori deceduti da inizio conflitto

Sono due i civili rimasti uccisi nel bombardamento russo sulla città di Mykolayiv avvenuto nella giornata di ieri. L'esercito ucraino, d'altro canto, avrebbe inflitto perdite significative alle truppe nemiche a Kramatorsk. Sale a 346 il numero dei minori rimasti uccisi dall'inizio del conflitto. I feriti, invece, sarebbero più di 645.

Da non perdere

Sono due i civili rimasti uccisi nel bombardamento russo sulla città di Mykolayiv avvenuto nella giornata di ieri. A renderlo noto è stata l’Amministrazione Centrale, citata da Ukrinform. Anche gli insediamenti vicini sarebbero stati colpiti, ma non è ancora stato possibile verificare se vi siano state vittime. Nè l’entità dei danneggiamenti. L’esercito ucraino, d’altro canto, avrebbe inflitto perdite significative alle truppe russe a Kramatorsk. A confermarlo è lo Stato Maggiore su Facebook. Gli occupanti si sarebbero ritirati. Nei pressi di Sloviansk, invece, i militari ucraini avrebbero respinto un assalto russo. Secondo l’esercito di Kiev, infatti, le truppe nemiche sarebbero state ricacciate indietro verso Dolyna. Intanto, l’intelligence britannica ha fatto sapere che nell’ultima settimana le forze russe sono avanzate di altri 5 chilometri lungo la strada principale che porta ad Izyum, affrontando una resistenza estremamente determinata.

Sono 346 i minori rimasti uccisi dall’inizio del conflitto, 645 i feriti

Sale a 346, intanto, il numero dei minori rimasti uccisi dall’inizio del conflitto. La conferma arriva dall’ufficio del procuratore generale dell’Ucraina. I feriti, invece, sarebbero più di 645, secondo un provvisorio bilancio. La maggior parte dei minori rimasti uccisi o feriti sarebbe del Donetsk, dove il numero ammonterebbe a circa 345. Seguono Kharkiv con 186, Kiev con 116, Chernihiv con 68, Lugansk con 61, Mykolayiv con 53, Kherson con 52 e Zaporizhzhia con 31. Ukrinform, inoltre, ha segnalato il caso di una bambina di quattro anni deceduta dopo essere rimasta gravemente ferita in un bombardamento che ha colpito la città di Bachmut qualche giorno fa. In settimana, invece, un bambino di due anni è rimasto ferito in un bombardamento a Pechenihy, nella regione di Kharkiv.

Von der Leyen: “UE si prepari a nuovi tagli di gas da Mosca”

“Dobbiamo prepararci ad ulteriori interruzioni delle forniture di gas da Mosca. Persino ad una completa interruzione, probabilmente”. Ha parlato così, questa mattina, la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, alla Plenaria dell’Eurocamera. “Ormai è evidente che Putin usa l’energia come un’arma”, ha aggiunto. “Per questo la Commissione sta lavorando ad un piano d’emergenza europeo. Lo presenteremo entro la metà di luglio”.

Ultime notizie