martedì, 31 Gennaio 2023

Giorgia Meloni: “Priorità crescita economica e lavoro. Il Governo durerà a lungo”

"Questo Governo durerà a lungo". Così il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni in una lunga intervista rilasciata a Corriere della sera e pubblicata questa mattina. Tanti i temi caldi sui quali si è espressa la Premier

Da non perdere

Sapevo che sarebbe stato un compito arduo guidare una Nazione come l’Italia in uno dei momenti più complessi della sua storia. Nel nostro ordinamento una persona sola non può fare la differenza: serve la squadra. Per questo so che questo Governo durerà a lungo“. Così il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni in una lunga intervista rilasciata a Corriere della sera e pubblicata questa mattina, 29 novembre. Tanti i temi caldi sui quali si è espressa la Premier, tra cui la tragedia della frana di Ischia.

Priorità immediate

La legge di Bilancio dovrà essere presentata tra pochi giorni, la maggioranza non è nuova a certe tensioni, i rapporti con la Francia non sono dei migliori; prendere il Paese dopo Mario Draghi non è certamente una prova di poco conto. La Premier, tuttavia, è fiduciosa e autorevole: “Non mi sono mai illusa, anche se rispetto a Draghi posso contare su una maggioranza chiara, un programma comune e un mandato popolare” ha affermato Giorgia Meloni. L’Italia, secondo il capo di FdI, per troppo tempo ha sofferto di poca stabilità, ecco perché serve una squadra riconosciuta e non una sola persona a cui fare riferimento. La Premier ha sottolineato quali sarebbero le priorità immediate: crescita economica ed attenzione al lavoro.

Sicurezza sul territorio

In Consiglio dei ministri è stato preso un impegno: approvare entro l’anno il Piano nazionale di adattamento al cambiamento climatico. Ecco perché, ha assicurato Giorgia Meloni, i ministri competenti effettueranno una ricognizione delle risorse esistenti. L’operazione rientra nell’ambito dei rischi provenienti da un’edificazione senza regole. Riguardo il lavoro interministeriale, la Premier ha sottolineato che il ministro Musumeci è stato incaricato di creare un gruppo di lavoro per gli interventi di medio e lungo periodo.

Su ministro Pichetto e abuso edilizio: “Espressione infelice, ma sottolinea necessità”

Giorgia Meloni ha risposto anche riguardo la criticata frase del ministro Pichetto che ha proposto di arrestare i sindaci che consentono l’abusivismo. Quella del ministro Pichetto è stata definita dalla Premier un’espressione infelice, ma che voleva probabilmente sottolineare la necessità che le istituzioni intervengano in situazioni simili e si prendano delle responsabilità. Il Partito della Meloni, Fratelli d’Italia, è stato molto critico nei confronti del condono su Ischia che è stato inserito nel decreto sul ponte Morandi. I deputati FdI, secondo quanto sostenuto dalla stessa leader, hanno votato il provvedimento perché la priorità era dare risposte a una città che affrontava un’emergenza senza precedenti.

Il tetto al contante

Stracciare solo cartelle vecchissime sotto i mille euro e per le quali la riscossione avrebbe per lo Stato un costo superiore a quello che incasserebbe. Questo sarebbe l’obiettivo da raggiungere, secondo Meloni, nell’ambito dei provvedimenti sulla rottamazione delle cartelle fiscali. La polemica sul tetto al contante è stata definita dalla Premier pretestuosa; Meloni ha sottolineato che la Germania ancora adesso non ha provvedimenti che intervengono sul tetto al contante. Da parte della Premier è stato inoltre rimarcato che la nuova manovra prevede una norma contro le aziende apri e chiudi, protagoniste di un’evasione strutturale e concorrenza sleale nei confronti di chi agisce nella legalità.

Politica estera

Putin non sta dimostrando grande volontà di trattativa” ha detto la Premier riguardo la guerra in Ucraina. Il sostegno dell’Italia al Paese ucraino non è in discussione secondo la Meloni, ma un colloquio di pace può nascere, secondo la leader FdI, solo sulla base di un equilibrio delle forze in campo. Meloni ha anche parlato con la Cina, l’unica a tenere vivo un canale diplomatico con la Russia. La tensione con la Francia è sicuramente allentata, ma un incontro con Emmanuel Macron non è ancora segnato sull’agenda della Premier italiana che ha messo in evidenza la necessità di lavorare per trovare soluzioni da parte di tutti e due i Governi, responsabili di un mandato popolare.

Fronte dei diritti civili

Sul fronte dei diritti civili, delicatissimo tema che ha infuocato più volte la campagna di FdI soprattutto sull’aborto, la Premier assicura quanto già affermato. Non arriverà nulla di diverso da quanto già sostenuto in precedenza, ovvero che nessuno dovrà temere per le proprie scelte individuali e per la propria libertà. Giorgia Meloni non avrebbe, secondo quanto dichiarato da lei stessa, intenzione di togliere diritti, semmai di aggiungerne.

Ultime notizie