sabato, 1 Ottobre 2022

Guerra in Ucraina, nella notte 120 missili su Nikopol. Zelensky: “L’Europa chiuda le frontiere ai russi”

Durante la notte, l'esercito russo ha coperto di fuoco due distretti ucraini. Pesanti combattimenti, intanto, continuano nel Donetsk. Nuovo pacchetto di aiuti di sicurezza dagli Usa per 1 miliardo di dollari. Finlandia: "Chiudere le frontiere dei Paesi Ue ai cittadini russi".

Da non perdere

“Non è giusto che, mentre la Russia conduce un’aggressiva e brutale guerra all’Europa, i suoi abitanti possano vivere come se niente fosse. Viaggiare, fare i turisti”. Così il primo ministro finlandese, Sanna Marin, che ha esortato i membri dell’Unione Europea a imporre sanzioni che vietino l’ingresso dei turisti russi nei Paesi europei. “Gli Stati Uniti hanno autorizzato il loro più grande pacchetto di assistenza alla sicurezza fino a oggi per l’Ucraina”, ha detto invece Biden. “Questo pacchetto aggiunge ulteriori munizioni, armi ed attrezzature a Kiev per aiutare a soddisfare le sue esigenze di sicurezza, cruciali mentre difende il Paese”. Durante la notte, intanto, l’esercito russo ha coperto di fuoco due distretti ucraini. Circa 120 missili sono stati lanciati sulla città di Nikopol, dove diversi edifici residenziali sono stati danneggiati. Un uomo di 46 anni è rimasto gravemente ferito.

Proseguono i combattimenti nel Donetsk

“Il nuovo pacchetto da un miliardo di dollari di aiuti militari americani a Kiev conferma che gli Stati Uniti non intendono risolvere pacificamente la crisi in Ucraina, ma vogliono prolungare il conflitto”. Ad affermarlo, l’ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, che ha aggiunto: “Washington continua a gettare benzina sul fuoco. Lo stanziamento di un ulteriore miliardo per questi scopi dimostra che gli Usa non vogliono ascoltare ragioni e non contribuiranno a una soluzione pacifica della crisi”. Pesanti combattimenti, intanto, sono ancora in corso nel Donetsk. A renderlo noto è lo Stato Maggiore di Kiev. “La situazione è estremamente tesa. I bombardamenti sono costanti su tutta la linea del fronte. I russi stanno lanciando continui attacchi aerei, ma le unità militari ucraine stanno respingendo gli assalti. Il nemico, per ora, non sta avendo successo. La regione sta resistendo”, si legge nel rapporto mattutino.

Zelensky: “Chiudere le frontiere ai russi sarebbe la forma più efficace di sanzione”

“I Paesi occidentali dovrebbero vietare l’ingresso a tutti i cittadini russi. Chiudere le frontiere sarebbe la forma più efficace di sanzione. I russi andrebbero confinati fino a quando non cambiano la loro filosofia di vita”. Queste le parole di Zelensky, intervistato dal Washington Post. “Inoltre, stiamo avvisando il mondo del ricatto nucleare di Mosca, in merito ai bombardamenti sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Ci sono state già diverse reazioni da parte della comunità internazionale, ma è necessario accelerare le azioni in risposta. Sono necessarie nuove sanzioni contro uno Stato terrorista che sta creando la minaccia di un disastro nucleare”.

Ultime notizie