venerdì, 12 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, raggiunto accordo su export grano: previsto incontro per piano concreto. Borrell: “È questione di vita o di morte”

Nell'incontro della scorsa settimana a Istanbul è stato raggiunto un accordo in termini generali sui corridoi per l'esportazione di grano ucraino. Si attende un nuovo incontro per definire misure concrete. Domani incontro tra Putin ed Erdogan. Brasile e Algeria concordi sulla necessità di evitare una crisi alimentare globale.

Da non perdere

L’incontro tenutosi la scorsa settimana tra delegazioni di Mosca, Kiev, Ankara e rappresentanti Onu sembra aver portato a dei risultati sulla questione del grano. “È stato concordato in termini generali un piano per il trasporto di grano e generi alimentari” attraverso corridoi sicuri nel mar Nero dai porti dell’Ucraina. Lo ha detto il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, commentando proprio l’esito dell’incontro di Istanbul. Si attende ora un “incontro questa settimana per arrivare a un piano di attuazione concreto”, come sottolineato dallo stesso Akar.

Borrell: “È questione di vita o di morte”

“Ho la speranza che questa settimana sarà possibile raggiungere un accordo per sbloccare il porto di Odessa e gli altri porti ucraini”, ha detto l’Alto rappresentante della Politica estera Ue, Josep Borrell. “La vita di decine di migliaia di persone dipende da questo accordo, non è un gioco diplomatico, ma una questione di vita e di morte per molte persone. La Russia deve togliere il blocco e consentire le esportazioni”, ha aggiunto.

Mosca: “Incontro tra Putin ed Erdogan su grano ucraino” 

Il presidente russo Vladimir Putin e il leader turco Erdogan parleranno domani a Teheran dei meccanismi per esportare grano e cereali ucraini. Secondo quanto riportato nelle settimane precedenti dal ministro della Difesa turco Hulusi Akar, l’idea sarebbe quella di creare un centro a Istanbul per le operazioni e la gestione sicura e ininterrotta dei corridoi di esportazione. Il tutto dovrebbe essere gestito da rappresentanti di Mosca, Kiev, Ankara e Nazioni Unite.

Zelensky: “Per Bolsonaro importante la ripresa di export grano”

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha annunciato di aver avuto un colloquio con l’omologo brasiliano, Jair Bolsonaro. Il Brasile rientra nella lista dei paesi considerati “non ostili” da Mosca. Zelensky ha informato Bolsonaro della situazione al fronte e ha spiegato che nel corso della telefonata è stata discussa “l’importanza che riprenda l’export di grano ucraino per evitare una crisi alimentare globale provocata dalla Russia“. Il presidente ucraino ha quindi rivolto un appello a “tutti i partner” affinché si uniscano alle “sanzioni contro l’aggressore”.

Draghi: “Impegnati per sblocco grano, evitare crisi alimentari”

Si è tenuto oggi anche un vertice tra Italia e Algeria, “occasione per riaffermare l’impegno per la stabilità e la prosperità del Mediterraneo, messe a dura prova dall’invasione russa dell’Ucraina“. Lo ha dichiarato il premier, Mario Draghi, nel punto stampa con il presidente della Repubblica algerina, Abdelmadjid Tebboune. “L’Italia è impegnata da tempo in prima linea – ha detto il premier – per sbloccare il transito di cereali dai porti del Mar Nero ed evitare una crisi alimentare catastrofica“.

Ultime notizie