sabato, 20 Agosto 2022

Torino, minorenne Rom costretta a rubare: 5 familiari condannati

Una famiglia Rom è stata condannata a 2 anni e 5 mesi di reclusione per aver costretto la minorenne di casa a rubare. I fatti risalgono al 2018, quando l'adolescente aveva ancora 14 anni.

Da non perdere

Il Tribunale di Torino ha inflitto la condanna di 2 anni e 5 mesi di reclusione nei confronti del padre, dei nonni e degli zii di una minorenne Rom che nel 2018, quando era appena 14enne, aveva denunciato ai Carabinieri i componenti del suo nucleo familiare per maltrattamenti e aveva raccontato di essere stata costretta a rubare e a portare a casa un cospicuo bottino. L’avvocato della ragazzina, Roberto Saraniti, ha fatto sapere che chiederà un risarcimento alla famiglia.

Al momento dell’arrivo delle Forze dell’Ordine, i parenti avevano negato le accuse facendo intendere che l’adolescente, secondo loro affetta da problemi comportamentali, compisse i reati in completa autonomia e che l’avrebbero portata dal medico e dai servizi sociali per risolvere il problema. Il loro avvocato, Vittorio Pesavento, ha già annunciato ricorso in appello: “Le sentenze – dice – si rispettano sempre, ma noi vogliamo andare fino in fondo a questa storia. I contenuti del processo vanno in un’altra direzione rispetto all’accusa”.

Ultime notizie