sabato, 18 Settembre 2021

Gino e Nadia, influencer sulla stessa Strada

A distanza di due anni l'uno dall'altro, se ne sono andate due persone positive, di quelle che coi loro gesti, con i loro comportamenti, potevano influenzare la gente.

Da non perdere

Gino Strada ci ha lasciato, se n’è andato così, senza fare rumore, tutto il contrario di quello che è successo quando si è sparsa la notizia. Tutto il contrario di quello che succedeva quando parlava alla maniera sua, con chiarezza e senza fare sconti a nessuno.

Strada se n’è andato nell’anniversario della morte di Nadia Toffa, venuta a mancare esattamente due anni fa, una scomparsa “illustre” che ha segnato profondamente la collettività, sebbene fosse in qualche modo preannunciata.

Gino e Nadia, lungi da noi l’idea di immaginare una sorta di parallelismo, impossibile e fuori luogo, né di beatificarli post mortem, erano pur sempre umani coi loro pregi e difetti. Piuttosto un’amara considerazione. A distanza di due anni l’uno dall’altro, se ne sono andate due persone positive, di quelle che coi loro gesti, con i loro comportamenti, potevano influenzare la gente.

Ecco sì, due influencer come piacciono noi, certamente diversi tra loro, pianeti di galassie distanti, ma che in qualche modo potevano smuovere un po’ di coscienze contro le ingiustizie che affliggono la società. In un mondo di scosciate e smennate, che fanno a gara a chi mostra più centimetri di chiappe per un like o un follower in più, restare orfani di persone del genere è una perdita per tutti.

Ultime notizie