mercoledì, 7 Dicembre 2022

Escherichia coli nel formaggio, Taleggio dop a latte crudo ritirato dai supermercati

Il ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito un richiamo alimentare per quanto riguarda alcuni lotti di Taleggio DOP a latte crudo. Il motivo del ritiro dal commercio sarebbe la presenza di un ceppo di Escherichia coli.

Da non perdere

Il ministero della Salute ieri, giovedì 27 ottobre, ha richiamato dal commercio diversi lotti del Taleggio DOP a latte crudo di Casarrigoni, Pascoli del fattore e Terre d’Italia a causa di un rischio microbiologico. In tutti i lotti interessati, la denominazione di vendita dei prodotti interessati dal richiamo è sempre “Taleggio DOP a latte crudo“, il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato è Casarrigoni Srl. Invece, il marchio di identificazione dello stabilimento o del produttore è CE IT 03 278, mentre il nome del produttore è Casarrigoni Srl, con sede dello stabilimento in via A. Arnoldi 575 a Taleggio, provincia di Bergamo. Inoltre, l’unità di vendita è rappresentata dalla porzione da 200 grammi.

Richiamo per rischio microbiologico

Il motivo del richiamo è un rischio microbiologico, cioè la presenza di “STEC gene eae sg 026″ in 25 grammi di prodotto. Si tratta di un ceppo di Escherichia coli definito “produttore di Shiga-Tossina” o “verocitotossici”, quindi abbreviato in STEC o VTEC. QUesto tipo di agente zoonosico è in grado di produrre tossine pericolose per la salute umana, inducendo una grave forma di diarrea emorragica. Gli STEC possono appartenere a differenti sierotipi, ma la maggior parte dei casi di infezione riportati nell’uomo risultano causati da Escherichia coli appartenenti a 5 sierotipi (O157, O26, O111, O103 e O145). Nelle avvertenze i consumatori sono pregati di non mangiare i numeri di lotto indicati nel comunicato del ministero della Salute.

Ultime notizie