giovedì, 29 Febbraio 2024

Guerra in Ucraina, Usa: “Rifiutiamo ogni pretesto per escalation russa”. Timore arma radiologica, Kiev chiede verifica ONU e AIEA

Usa rifiutano ogni pretesto che potrebbe portare a una escalation russa. Mosca accusa Kiev di star preparando una "bomba sporca", ovvero un'arma radiologica. Ministro della Difesa ucraino, Oleksi Reznikov, smentisce e chiede a ONU e AIEA di visitare il Paese e controllare. Forze armate di Kiev: "Morti 67.940 soldati russi da inizio invasione".

Da non perdere

Sul fronte diplomatico da giorni aleggiava il timore di un’escalation russa che è stata successivamente scongiurata dal capo del Pentagono, Lloyd Austin, durante l’ultima telefonata col Ministro della Difesa di Mosca, Serghei Shoigu: “Gli Usa rifiutano ogni pretesto per l’escalation russa“. Il Ministro russo aveva detto precedentemente alle sue controparti di Francia, Turchia e Gran Bretagna che l’Ucraina potrebbe far detonare una “bomba sporca”, locuzione utilizzata per indicare un’arma radiologica che è costituita da esplosivo e materia radioattiva. È un’arma di distruzione di massa, progettata per colpire un territorio e la sua popolazione.

Kiev: “ONU e AIEA verifichino preparazione presunta di una bomba sporca”

Le recenti accuse russe riguardo all’ipotetica preparazione da parte di Kiev di una “bomba sporca” stanno destando non poche preoccupazioni. Prontamente il Ministro della Difesa ucraino, Oleksi Reznikov, ha invitato gli osservatori delle Nazioni Unitene e dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) a visitare il Paese. Ha poi aggiunto che “l’idea di una bomba sporca ci disgusta. Il mondo deve rispondere al ricatto nucleare russo. Chiediamo l’adesione al paragrafo 4 del Memorandum di Budapest“. Si è aggrappato alla richiesta di entrare a far parte del Consiglio di sicurezza dell’ONU per ricevere aiuto di fronte alle minacce nucleari, o come le ha definite, “provocazioni”. Ha poi continuato con veemenza: “Le bugie su una ‘bomba sporca’ che l’Ucraina si starebbe preparando a usare fanno parte delle solite tattiche del Cremlino, in cui i criminali russi cercano di incolpare preventivamente la vittima dell’aggressione per il proprio crimine”.

Regno Unito: “Difesa di Kiev un successo contro droni iraniani”

I droni Shahed-136, di fabbricazione iraniana utilizzati dai russi, sono il bersaglio principale della difesa di Kiev che, difatti, sta ottenendo sempre più successo. L’ha scritto l’intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano. Fonti ufficiali, tra cui il presidente Zelensky, affermano che fino all’85% degli attacchi viene intercettato, sottolinea il rapporto pubblicato oggi dal ministero della Difesa di Londra. La Russia sta probabilmente impiegando un gran numero di droni iraniani per penetrare le difese aeree ucraine, che sono sempre più efficaci, conclude l’intelligence. Inoltre, è stata avanzata anche un’ipotesi: Mosca utilizzerebbe questi velivoli al posto delle armi di precisione a lungo raggio di fabbricazione russa perché “stanno diventando sempre più scarse“.

Kiev: “Morti 67.940 soldati russi”

Ammonterebbero a 67.940 i soldi russi che hanno perso la vita al fronte dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio scorso. L’ha reso noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine. Secondo il resoconto dei militari, le perdite dell’attrezzatura da guerra ammonterebbero a 2.590 carri armati; 5.295 mezzi corazzati; 1.673 sistemi d’artiglieria; 375 lanciarazzi multipli; 189 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 270 aerei, 245 elicotteri, 4.044 autoveicoli, 16 unità navali e 1.370 droni.

Macron: “Spetta all’Ucraina decidere i tempi e i termini della pace”

Intervenendo all’apertura di una conferenza di pace di tre giorni a Roma, Macron ha affermato che spetta all’Ucraina decidere i tempi e i termini della pace con la Russia, e ha avvertito che la fine della guerra “non può essere la consacrazione della legge del più forte“.

Ultime notizie