mercoledì, 7 Dicembre 2022

Guerra in Ucraina, droni kamikaze su Kiev. A Zaporizhzhia centrale nucleare disconnessa per i bombardamenti

A una settimana dal violento attacco che ha colpito Kiev, la capitale ucraina si è svegliata ancora una volta grazie al rumore di alcune esplosioni avvenute nel distretto di Shevchenkivskiy. Esplosioni anche su Zaporizhzhia; la società che gestisce la centrale ha affermato di averla nuovamente disconnessa dall'alimentazione esterna a causa dei bombardamenti russi.

Da non perdere

Una nuova settimana si apre seguendo il trend degli ultimi giorni: anche questa mattina sono state udite alcune esplosioni a Kiev. Il sindaco della capitale, Vitali Klitschko, ha spiegato la situazione e allertato i cittadini su Telegram: “L’esplosione è avvenuta nel distretto di Shevchenkiv, nel centro della città. Tutti i servizi seguono in atto. L’allerta aerea continua. Rimanete nei rifugi“. Il distretto di Shevchenkivskiy è la stessa zona colpita da diverse esplosioni una settimana fa, il 10 ottobre. Almeno 19 persone sono state uccise negli attacchi della scorsa settimana a Kiev e più di 100 sono rimaste ferite. Intanto, mentre la capitale continua a essere il bersaglio di Mosca, le “autorità” filo-russe nella Donetsk occupata hanno affermato che le forze ucraine hanno bombardato Donetsk, Horlivka e Makiivka nell’est del paese. L’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti ha dato la notizia affermando che sono stati sparati 19 proiettili di calibro 155 e 152 millimetri.

Kiev è stata colpita da “droni kamikaze”

Secondo i funzionari militari ucraini, l’attacco di questa mattina è stato effettuato con dei “droni kamikaze”. Armi più economiche e meno sofisticate dei missili, ma a quanto pare efficaci nel causare danni ai bersagli a terra. I droni Shahed-136 sono in grado di rimanere in volo per diverse ore e sorvolare potenziali bersagli prima di essere lanciati contro truppe, armature o edifici nemici ed esplodere all’impatto. Klitschko ha anche reso noto che diversi edifici residenziali sono stati danneggiati e che i medici sono sul posto. “A seguito dell’attacco dei droni, è scoppiato un incendio in un edificio non residenziale nel distretto di Shevchenkiv a Kiev. I vigili del fuoco stanno lavorando. Diversi edifici residenziali sono stati danneggiati. I medici sono sul posto. Stiamo chiarendo le informazioni sulle vittime“, ha scritto il sindaco di Kiev.

Attacchi a Zaporizhzhia durante la notte

Anatoly Kurtev, segretario del consiglio comunale di Zaporizhzhia, ha pubblicato un messaggio su Telegram dichiarando che c’è stato un attacco alla città durante la notte, ma che finora non sono stati segnalati feriti o vittime. “Stanotte, durante il raid aereo, gli occupanti razzisti hanno lanciato un attacco alla periferia della città e della periferia. Secondo i dati preliminari, non ci sono distruzioni e feriti“. Intanto, l’operatore della centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP) ha affermato di essere stata nuovamente disconnessa dall’alimentazione esterna a causa dei bombardamenti russi.

Energoatom, società statale ucraina che gestisce la ZNPP, ha pubblicato una nota affermando che “i terroristi russi hanno sparato ancora una volta contro le sottostazioni di infrastrutture critiche nel territorio sotto il controllo dell’Ucraina, a seguito delle quali alle 03:59 l’ultima linea di comunicazione di 750 kV ZANP – Dniprovska è stata disconnessa. Nel processo transitorio, a causa di una caduta di tensione a breve termine, è stato spento il trasformatore di riserva del fabbisogno stesso della ZNPP e sono stati avviati i generatori diesel”.

Ultime notizie