martedì, 27 Settembre 2022

Guerra in ucraina, distrutto deposito di munizioni russo a Melitopol. Zelensky: “Mosca vieta l’accesso alla centrale di Zaporizhzhia ai giornalisti”

Nella notte, le forze armate ucraine hanno distrutto un deposito di munizioni russo nella città di Melitopol. Zelensky ha dichiarato che, nonostante l'accordo con il direttore generale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, Rafael Grossi, nella giornata di ieri, la missione dell'AIEA è giunta alla centrale di Zaporizhzhia senza giornalisti. Mentre erano presenti numerosi propagandisti russi.

Da non perdere

“Le autorità russe che occupano Zaporizhzhia stanno cercando in tutti i modi di impedire alla missione dell’AIEA di conoscere la reale situazione dell’impianto. Inoltre, diffondono informazioni false e manipolate in merito alla visita degli esperti dell’ONU”. È quanto affermato dall’agenzia per l’energia atomica ucraina, citata dalla stampa di Kiev. Secondo le informazioni diffuse dall’agenzia, la maggior parte di quelli che i russi definiscono “Media di tutto il mondo” presenti alla centrale sono in realtà propagandisti di Mosca.

“Gli autobus con a bordo i giornalisti ucraini e stranieri che hanno cercato di raggiungere la centrale non sono stati ammessi”, ha scritto Energoatom su Telegram. L’autorità che gestisce le quattro centrali nucleari ucraine insiste infine sul fatto che attuare tutte le raccomandazioni della missione, con il ripristino della sicurezza nucleare e delle radiazioni della stazione, è impossibile fino a quando sarà sotto il controllo delle forze di occupazione russe.

Nella notte, le forze armate ucraine hanno distrutto un deposito di munizioni russo nella città di Melitopol. A riportarlo è Unian, che cita alcuni testimoni oculari. Il centro di coordinamento di Istanbul, intanto, ha autorizzato altre otto navi a lasciare l’Ucraina con un carico complessivo di circa 158mila tonnellate di alimenti. Lo fa sapere la Tass.

Zelensky: “I russi vietano l’accesso alla centrale ai giornalisti”

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha dichiarato che, nonostante l’accordo con il direttore generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, Rafael Grossi, nella giornata di ieri, la missione dell’AIEA è giunta alla centrale di Zaporizhzhia senza giornalisti. Mentre erano presenti numerosi propagandisti russi. “Quando abbiamo incontrato a Kiev il siglor Grossi e i membri della missione, abbiamo convenuto che la stessa sarebbe stata accompagnata da giornalisti ucraini ed internazionali. Giornalisti indipendenti. In modo tale che il mondo potesse vedere la verità. Invece, ciò non è avvenuto”, ha detto Zelensky. “La Russia si è comportata cinicamente, al fine di ingannare la missione. Anche intimidendo i residenti di Energodar. Gli occupanti hanno costretto le persone a mentire ai rappresentanti dell’AIEA”.

Ultime notizie