mercoledì, 25 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, è iniziata l’offensiva per la presa del Donbass. Assalto all’acciaieria di Mariupol: mistero sui civili rifugiati

Da qualche ora pare che l'offensiva russa si sia concentrata soprattutto nella parte meridionale dell'Ucraina, precisamente nell'area denominata Donbass. Le sirene di allerta sono state attivate nella città portuale di Mykolaiv, con diverse segnalazioni di esplosioni. Assalto all'acciaieria Azovstal di Mariupol. non è chiara la presenza di civili in cerca di un rifugio.

Da non perdere

L’esercito russo prosegue con operazioni offensive nella zona operativa orientale al fine di stabilire il pieno controllo sul territorio delle regioni di Donetsk e Luhansk, nonché di mantenere un corridoio terrestre con la Crimea temporaneamente occupata. I principali sforzi da parte di Mosca si concentrano sullo sfondare la difesa delle truppe ucraine negli oblast di Luhansk e Donetsk, oltre a “stabilire il pieno controllo sulla città di Mariupol”, ha affermato lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell’Ucraina. Nelle regioni che vanno a formare il Donbass, le truppe di Kiev hanno respinto sette attacchi nemici, distrutto dieci carri armati, 18 unità corazzate e otto veicoli e un sistema di artiglieria.

Luhansk: i russi conquistano Creminna

Attualmente, il controllo sulla città di Creminna è perso, sono in corso combattimenti di strada“, ha dichiarato il governatore della regione di Luhansk, Sergiy Gaiday, in una dichiarazione sul suo canale telegram ufficiale. Le autorità locali hanno esortato i residenti nelle regioni di Donetsk e Luhansk a evacuare. “I russi hanno sparato a persone che cercavano di lasciare Creminna“, ha aggiunto il governatore, sostenendo che quattro persone sono state uccise mentre cercavano di lasciare la città con i propri veicoli.

Case, edifici, un complesso sportivo e altre strutture sono state distrutte a causa dei bombardamenti nella città e nei centri di Rubizne e Lysychansk. A Lysychansk, l’edificio del dipartimento di polizia di pattuglia regionale è stato distrutto, provocando il ricovero in ospedale di sei poliziotti. Esorto caldamente le persone a evacuare“, ha aggiunto Gaiday. Creminna, con una popolazione prebellica di quasi 20.000 persone, si trova a circa 50 km a nord-est di Kramatorsk, il centro amministrativo della regione, ed è un obiettivo strategico per l’invasione delle forze russe.

Russia: “Esercito ucraino ha attaccato Belgorod”

Il governatore della regione russa di Belgorod ha detto che una persona è stata ferita a causa di bombardamenti provenienti dalla “parte ucraina”. “Ci sono stati bombardamenti dal lato ucraino del villaggio di Golovchino, distretto di Graivoronsky“, ha scritto Vyacheslav Gladkov su Telegram. “C’è distruzione. Darò informazioni più dettagliate in seguito”. All’inizio di aprile, Gladkov aveva accusato l’Ucraina di aver dato fuoco a un deposito di petrolio nella regione, che ha ferito otto persone. Kiev ha negato ogni responsabilità sull’attacco.

Esplosioni a Mykolaiv

Le sirene di allerta sono state attivate nella città portuale di Mykolaiv, con diverse segnalazioni di esplosioni udite. Il sindaco Oleksandr Sienkevych aveva allertato i cittadini per tutta la notte, tramite post sul suo account facebook. Lunedì pomeriggio, Sienkevych ha scritto che i missili russi avevano colpito tre case. “Due di loro non possono più essere ripristinate. È un miracolo che nessuno dei residenti abbia subito gravi danni. La maggior parte delle persone sono riuscite a fuggire prima di questo colpo“.

Assalto russo all’acciaieria di Mariupol

L’assalto all’acciaieria Azovstal di Mariupol da parte di truppe speciali russe è iniziato. A riferirlo, il rappresentante della Milizia popolare di Donetsk, Eduard Basurin al canale televisivo Rossiya 24. La notizia è stata ripresa dall’agenzia di stampa russa Ria Novosti. Un rappresentante della Milizia ha negato che all’interno della struttura si nascondano anche civili.

Ultime notizie