domenica, 29 Maggio 2022

Emergenza Covid, Shanghai torna in lockdown: 25 milioni di cittadini controllati da cani-robot e droni

A causa dell'incremento sproporzionato dei casi, 20mila al giorno, i cittadini di Shanghai si ritrovano a fare i conti con un regime severissimo: cani-robot e droni per sorvegliare gli abitanti. Si può uscire di casa solo se l'intero palazzo in cui si risiede è Covid Free.

Da non perdere

Per favore attenetevi alle restrizioni Covid. Controllate il desiderio di libertà della vostra anima. Non aprite le finestre e non cantate. Questo aumenta le possibilità di contagio”. Queste alcune delle indicazioni fornite dai droni nella città di Shanghai da qualche settimana a questa parte. Se da un lato l’Italia, dopo due anni di emergenza pandemica, si avvia verso una fase di graduale ripresa, la Cina, purtroppo, pare essere tornata agli inizi di questo incubo.

Lockdown a Shanghai

È il 28 marzo quando nella metropoli cinese di Shanghai inizia un nuovo lockdown. A causa dell’incremento sproporzionato dei casi, attorno ai 20mila al giorno, i cittadini di Shanghai si ritrovano a fare i conti con un regime severissimo. In caso di positività, gli abitanti vengono trasferiti in strutture apposite, anche con la forza. Via libera per uscire di casa solo se l’intero palazzo in cui vivono è completamente Covid Free. Qualora si manifestasse anche un solo caso di positività, tutti i condomini avranno l’obbligo di restare chiusi in casa per due settimane, sollecitati e sorvegliati da droni e cani-robot.

Ormai ogni centro culturale, palazzo in costruzione e qualsivoglia spazio adibiti a dormitori o addirittura a “campi di isolamento centralizzati” per i soggetti positivi si moltiplicano sempre più, anche se le condizioni igienico-sanitarie continuano a scarseggiare e la gente non ci sta. I cittadini di Shanghai sono stremati e terrorizzati allo stesso tempo. Tuttavia, grazie anche all’intervento di alcune piattaforme digitali come Alibaba e JD.com, si moltiplicano gli aiuti per fornire assistenza ai cittadini. Anche realtà piccole come Yto Express sono pronte a dare il giusto supporto con consegne smart automatizzate nelle zone residenziali del tutto blindate.

Ultime notizie