domenica, 21 Luglio 2024

Attentato a Tel Aviv, uomo con auto sopra la folla. Hamas: “Prima risposta agli attacchi su Jenin”

Un uomo palestinese a bordo di un auto si è scagliato contro la folla su un marciapiede di una strada trafficata e piena di negozi a Tel Aviv. Il portavoce del gruppo Hamas, Hazem Qassem, ha tolto ogni dubbio: "L'eroico attentato a Tel Aviv è la prima risposta ai crimini contro il nostro popolo a Jenin".

Da non perdere

Un uomo palestinese è penetrato in Israele illegalmente e ha seminato terrore a Tel Aviv. A bordo di un auto, si è scagliato contro la folla su un marciapiede di una strada trafficata e piena di negozi, per la precisione Pinchas Rosen Street. L’attentatore è poi sceso dal veicolo e ha aggredito i passanti e le persone sedute in un bar, riuscendo a pugnalare al collo un uomo, prima di essere neutralizzato da un civile trovatosi sul posto. Un video ha ripreso il tutto. Una squadra di medici è piombata sul posto per prestare i primi soccorsi alle persone ferite, alcune delle quali si trovavano ancora per terra, di fronte alla fermata del bus, travolte dall’auto utilizzata dall’attentatore. Tre di loro sarebbero in gravissime condizioni. Hamas afferma che sarebbe una prima risposta alle operazioni di Israele a Jenin che vanno avanti dal 2 luglio.

Hamas: “Prima risposta per le azioni di Israele a Jenin”

Il portavoce del gruppo Hamas, Hazem Qassem, ha tolto ogni dubbio. “L’eroico attentato a Tel Aviv è la prima risposta ai crimini dell’occupazione contro il nostro popolo a Jenin“, ha dichiarato. “L’occupazione pagherà il prezzo dei suoi crimini. Lodiamo gli eroi del nostro popolo ed i combattenti di Jenin“, ha poi aggiunto. Ami Eshed, Comandante delle Forze militari di Israele a Tel Aviv, ha reso noto che l’attentatore era un palestinese residente a Hebron, in Cisgiordania, e avrebbe agito da solo. Ventenne, sarebbe entrato nello Stato ebraico grazie a un permesso medico.

Il ministro israeliano della Sicurezza Nazionale, Ben-Gvir, è giunto sul posto poco dopo aver saputo del tragico evento e ha elogiato il civile che ha ucciso l’attentatore. “Sapevamo che una risposta dal terrorismo ci sarebbe stata“, ha dichiarato, prima di essere insultato da alcuni passanti che gli urlavano contro di aver fallito, secondo quanto riportato da The Jerusalem Post. Altri civili hanno invece elogiato il ministro intimandogli di “scatenare le Forze di Difesa” e di assumere più potere decisionale. Secondo il Commissario della Polizia israeliana, molti arresti collegati all’accaduto sarebbero stati ordinati questo pomeriggio.

Ultime notizie