venerdì, 21 Giugno 2024

Guerra in Ucraina, Kiev attaccata coi droni iraniani. Zelensky: “Tutti abbattuti”. Attesi nuovi raid

Tredici droni Shehed, forniti dall'Iran alla Russia hanno attaccato durante le prime ore della mattina il centro di Kiev. Il presidente Zelensky ha assicurato che tutti i droni sono stati abbattuti, registrando così un altro successo per la difesa ucraina. Secondo alcuni questo attacco sarebbe una vendetta per l'esplosione accaduta in un aeroporto di Ryazan, nella Russia occidentale, lo scorso 5 dicembre.

Da non perdere

Questa mattina, mercoledì 14 dicembre, Kiev è stata colpita da un attacco russo con droni che ha danneggiato alcune aree della città. Il sindaco della capitale, Vitali Klitschko ha dichiarato che un attacco con droni ha colpito il distretto centrale di Shevchenkivskyi durante le prime ore della giornata. “Servizi di emergenza inviati“, ha scritto Klitschko su telegram. Mentre il governatore della regione di Kiev, Oleksiy Kuleba ha affermato che i sistemi di difesa aerea sono stati attivati.

L’Ucraina sta vincendo con la difesa

Secondo quanto affermato da Klitschko, tredici droni Shahed sono stati abbattuti questa mattina. Questo tipo di droni è stato fornito dall’Iran alla Russia, che li ha utilizzati per colpire infrastrutture e obiettivi civili in Ucraina. “Questa mattina i terroristi hanno lanciato 13 Shahed. Tutti e 13 sono stati abbattuti dalle nostre forze di difesa aerea. Ben fatto ragazzi. Sono fiero! Non ignorare gli avvisi di raid aereo“. Anche il presidente Volodymyr Zelensky ha assicurato che i droni sono stati abbattuti con successo. Nelle ultime settimane, l’Ucraina ha fatto registrare numerosi successi nel neutralizzare gli attacchi aerei russi alle sue infrastrutture energetica. Durante l’ultimo grande attacco del 5 dicembre, mirato a obiettivi in ​​tutta l’Ucraina e a Kiev, la difesa ha affermato di aver abbattuto 60 dei 70 razzi lanciati dalla Russia. Intanto, Vitaliy Bunechko, capo della regione di Zhytomyr, a ridosso di Kiev, ha allertato gli abitanti che potrebbe esserci una seconda ondata di attacchi di droni e ha consigliato alle persone di rimanere nei rifugi antiaerei.

“Per Ryazan”

Il 5 dicembre scorso, è stata attaccata una base aerea militare russa nella città di Ryazan, nella Russia occidentale. Un aereo bombardiere russo Tu-95, utilizzato per attaccare l’Ucraina, è stato danneggiato e tre soldati alla base sono rimasti feriti a morte, secondo quanto riportato dal ministero della Difesa russo. Mosca, in quell’occasione, ha detto che l’attacco era stato effettuato da un drone. Kiev non si è assunta la responsabilità dell’attacco, ma le forze di difesa aerea ucraine pubblicarono poi le immagini delle conseguenze con la didascalia. “Ryazan. Riposare in pace“. Questa mattina, Svitlana Vodolaga, portavoce dei servizi di soccorso di Kiev, ha affermato che su uno dei droni c’era scritto “Per Ryazan“.

Ultime notizie