venerdì, 21 Giugno 2024

Marito e moglie uccisi a colpi di mannaia: il figlio confessa durante l’interrogatorio

Due coniugi sarebbero stati uccisi a colpi di mannaia dal figlio 34enne. A ritrovare i corpi senza vita in un lago di sangue è stata una delle figlie della coppia. L'uomo dopo ore di interrogatorio avrebbe confessato.

Da non perdere

Svolta nelle indagini sul duplice omicidio dei due coniugi avvenuto nel pomeriggio di ieri, 13 dicembre, a Racalmuto in provincia di Agrigento. Dopo un lungo interrogatorio, durato tutta la notte, è arrivata la confessione del figlio. Da quanto si apprende il 34enne avrebbe detto che quelli non erano i suoi veri genitori, di vedere fantasmi e strane presenze; inoltre ha affermato di aver fatto uso di droga. Il Procuratore e il Pm hanno quindi firmato il fermo di indiziato di delitto per l’uomo.

L’omicidio

Il 34enne avrebbe ucciso i genitori, di 66 e 62 anni, con diversi colpi di mannaia nel soggiorno di casa. A trovare i corpi riversi in un lago di sangue è stata una delle figlie che è sarebbe andata a casa dei genitori per controllare cosa fosse successo allarmata dal fatto che nessuno le rispondeva al telefono. La donna ha immediatamente allertato i Carabinieri che hanno interrogato i vicini di casa, i quali avrebbero riferito che da giorni sentivano litigi provenire dall’appartamento; dopo alcune ore hanno rintracciato il figlio che vagava per il paese. Non è ancora chiaro se l’omicidio è avvenuto martedì pomeriggio, il sangue presente sul pavimento era rappreso; saranno le autopsie e gli accertamenti dei Carabinieri a fare chiarezza.

Ultime notizie