domenica, 3 Marzo 2024

Governo Meloni, il nuovo esecutivo incassa la fiducia alla Camera. Oggi voto al Senato

Dopo aver incassato la fiducia alla Camera con 235 voti a favore e 154 contrari, il nuovo esecutivo guidato da Giorgia Meloni andrà alla prova di Palazzo Madama. La discussione inizierà alle ore 13; mentre alle 16:30 è prevista la replica del Presidente del Consiglio. Successivamente, intorno alle 19, seguiranno le dichiarazioni sul voto di fiducia.

Da non perdere

Ieri, martedì 25 ottobre, il governo guidato da Giorgia Meloni ha ricevuto la prima fiducia da parte della Camera con 235 voti a favore, 154 contrari, mentre cinque sono stati gli astenuti. I deputati presenti erano 394, 389 i votanti. “La rotta è tracciata: andiamo avanti“, ha detto la neopremier subito dopo l’esito del voto. Invece oggi, mercoledì 26 ottobre, la leader di Fratelli d’Italia si recherà a Palazzo Madama per ottenere la fiducia del Senato. La discussione inizierà alle ore 13; mentre alle 16:30 è prevista la replica della Presidente del Consiglio. Intorno alle 19, seguiranno le dichiarazioni sul voto di fiducia.

La telefonata tra Biden e Meloni

La neo premier italiana Giorgia Meloni, negli ultimi giorni, ha ricevuto messaggi di congratulazioni e di auguri da parte di tanti leader e capi di stato europei e non. L’ultimo, in ordine cronologico, è stato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Tra l’inquilino della Casa Bianca e quella di Palazzo Chigi c’è stato uno scambio di battute al telefono, come riportato in una nota ufficiale.

Meloni ha ringraziato Biden per le congratulazioni e ha “sottolineato l’importanza della partnership transatlantica, soprattutto alla luce delle storiche sfide che le democrazie occidentali stanno affrontando, come la guerra in Ucraina e la crisi energetica e alimentare“. Anche Washington ha poi diffuso una nota: si legge che durante la telefonata di congratulazioni di Biden a Meloni, i due leader “hanno ribadito la forte relazione tra Stati Uniti e Italia e hanno espresso la loro prontezza a lavorare insieme nell’alleanza transatlantica per affrontare le sfide comuni“. E ancora, secondo il comunicato, “hanno discusso il loro impegno a continuare a fornire assistenza all’Ucraina, chiedere conto alla Russia delle sue responsabilità per la sua aggressione, affrontare le sfide poste dalla Cina, assicurare fonti di energia sostenibili e abbordabili“.

Ultime notizie