lunedì, 27 Maggio 2024

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Legge Marziale scelta isterica di Putin”. Mosca: “Armi Nato avvicinano scontro diretto con la Russia”

Zelensky: "La scelta di Putin di imporre la Legge Marziale nelle regioni occupate è una decisione isterica". Mosca: "Il flusso di armi della Nato verso l'Ucraina e gli aiuti militari a Kiev avvicinano l'alleanza alla pericolosa linea dello scontro armato diretto con la Russia".

Da non perdere

“La scelta di Putin di imporre la Legge Marziale nelle regioni occupate è una decisione isterica”. Ha bollato così Zelensky l’ultima trovata del presidente russo. “Gli occupanti adesso cercheranno di reclutare uomini”, mette poi in guardia. “Evitate, per favore, di unirvi alle loro truppe. E se proprio non potete evitarlo, deponete le armi alla prima occasione utile e raggiungete le posizioni ucraine”. Gli ambasciatori dell’Unione Europea, intanto, hanno approvato le sanzioni contro l’Iran per la fornitura di droni a Mosca. Gli Stati dell’UE hanno deciso di congelare i beni di tre persone e di un’unità, responsabili delle consegne. L’UE è inoltre disposta ad estendere le sanzioni ad altre quattro entità iraniane già presenti in un precedente elenco di sanzioni.

Mosca: “Armi della Nato avvicinano lo scontro diretto con la Russia”

“Il flusso di armi della Nato verso l’Ucraina e gli aiuti militari a Kiev avvicinano l’alleanza alla pericolosa linea dello scontro armato diretto con la Russia“. Ha reagito così il Cremlino. “Non entro mai nei dettagli della nostra intelligence, ma ciò che posso dire è che ogni indicazione punta al fatto che sia l’Iran a fornire i droni alla Russia“, ha ribadito invece Stoltenberg. “Chiediamo a tutte le Nazioni, dunque, compreso lo stesso Iran, di non sostenere questa illegale invasione. Questa è una guerra di aggressione. Che viola chiaramente il diritto internazionale, ed è un attacco diretto ad una Nazione sovrana e indipendente nel cuore dell’Europa. Ovviamente, stiamo monitorando da vicino le mosse dell’Iran. Chiediamo loro di non fornire né droni né missili. Qualsiasi fornitura di armi violerà necessariamente le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU“, conclude.

Ultime notizie