lunedì, 28 Novembre 2022

Kabul, esplosione in una moschea vicino al ministero dell’Interno: almeno 2 morti e 20 feriti

Un'esplosione ha colpito oggi, 5 ottobre, la moschea Al-Fatah nei pressi del ministero dell'Interno a Kabul; stando ai bilanci sarebbero 2 i morti e 20 i feriti. L'Emergency italiana ha fatto sapere su Twitter che "è il secondo massacro nel giro di pochi giorni”.

Da non perdere

Nel pomeriggio di oggi, 5 ottobre 2022, un’esplosione ha colpito la moschea Al-Fatah nei pressi del ministero dell’Interno a Kabul e vicino all’aeroporto internazionale; stando ai bilanci sarebbero 2 i morti e 20 i feriti. L’attentato è avvenuto alle 13:45 ora locale. La notizia è stata confermata via Twitter da Abdul Nafi Takor, portavoce ministeriale: “Purtroppo c’è stato un’esplosione all’interno di una moschea ausiliaria dove alcuni lavoratori e visitatori del ministero dell’Interno stavano pregando. Condividerò i dettagli in seguito”. “La moschea è stata utilizzata dai visitatori e talvolta dai dipendenti del ministero degli interni”, ha aggiunto, citato dall’agenzia di stampa Reuters.

Intanto sui social network cominciano ad arrivare nuove stime; il giornalista e fotografo dell’agenzia di stampa AFP, Massoud Hossaini, ha reso noto via Twitter che sarebbero 25 i morti e 40 i feriti nell’attentato suicida. Il reporter ha spiegato che secondo alcune fonti locali vi sarebbero tra le vittime diversi leader della rete terroristica Haqqani, tra cui Anas Haqqani.

I dipendenti del ministero non hanno ancora ufficializzato l’attacco, né commentato l’accaduto. Il complesso colpito è roccaforte della sicurezza e delle Forze dell’Ordine in Afghanistan. L’Emergency italiana ha fatto sapere su Twitter che “è il secondo massacro nel giro di pochi giorni” e che sono “23 gli episodi gestiti dall’inizio dell’anno”. L’associazione umanitaria italiana ha spiegato che 20 feriti sono stati portati nel proprio ospedale nella capitale afghana, di cui 2 morti all’arrivo.

Ultime notizie