martedì, 16 Agosto 2022

Vela, Mondiali Youth verso il tramonto: Michelini-Bonifaccio prime nel 420

Alessandra Sensini, Direttore Tecnico Giovanile: “È stata una giornata lunga, il vento si è fatto attendere e la pressione della corrente era forte. Solo la classe 420 è riuscita a rispettare il programma della giornata: attualmente Camilla Michelini e Margherita Bonifaccio sono al comando. Importantissima la regata di domani".

Da non perdere

Il Mondiale Youth di vela 2022 a L’Aia, Olanda, è stato tanto sfortunato per il meteo, con tante cancellazioni e condizioni spesso al limite, specie per la corrente, per non citare alcuni aspetti generali dell’organizzazione. Si arriva all’ultimo giorno con tutte le classi in ritardo sul calendario, l’idea di fare tante prove fa a pugni con l’orario massimo e con la premiazione. Anche la fatica si fa sentire, ma non si deve mollare: ci sono tre possibili salite sul podio da conquistare, e il gradino Nations da difendere e magari consolidare.

Sì perché, per quanto riguarda il Nations Trophy, la classifica per nazioni a questo Mondiale Giovanile, ci sono 26 Paesi in classifica e questi sono i primi 5: al comando la Spagna con 40 punti, seguita dalla Francia con 43 e al terzo l’Italia con 51. Il terzetto di testa ha staccato gli altri: quarta la Gran Bretagna con 64 punti, quinta la Germania con 72, via via gli altri. Ecco la situazione nelle varie classi:

Classe Kitefoil

Nel Kite maschile è testa a testa tra Max Maeder (SGP) e l’azzurro Riccardo Pianosi, primo e secondo divisi da 4 punti alla volata del giorno finale. Gli altri sono lontanissimi e (forse) si godono persino lo spettacolo. Una medaglia è sicura, renderla più preziosa possibile è affare di Riccardo. In quello femminile, invece, la giovanissima Maddalena Spanu, al 7° posto, si diverte e fa esperienza, contro avversarie già smaliziate, la classifica non conta, ma lo spirito è quello giusto.

Classe 420

Nel 420 femminile hanno preso la testa Camilla Michelini e Margherita Bonifaccio, con 2 punti sulle spagnole Mora-Alcantara e sulle tedesche Wehrle-Rinn, e 3 sulle giapponesi Degichi-Miyamoto. Tutto può davvero succedere e tutto accadrà, ma guardarselo dalla vetta è un privilegio che le due ragazze si sono conquistate. Nel maschile, invece, Flavio Fabbrini e Matteo Maione sono al 10° posto, come il piazzamento dell’ultima prova del Day 4, quasi una firma. Israeliani una spanna al di sopra di tutti, spagnoli, portoghesi e USA a contendersi il resto del podio.

Classe iQFoiL

L’israeliana Steinberg e la turca Vatan hanno trovato la settimana giusta, ormai sono quasi irraggiungibili. Sarà lotta per il bronzo tra la slovena Erzen e l’azzurra Sofia Renna (tra le due solo 3 punti), con la ceka Svikova terza incomoda. Finale ad alta tensione per la possibile terza medaglia azzurrina. Nel maschile, invece, Jacopo Gavioli è al 9° posto, una trentina di punti dal podio occupato da GBR-NED-AUS.

Classe Nacra 15

Giorgio Bona e Isotta Poggi non riescono a risalire dalla sesta posizione. Hanno accumulato una trentina di punti di distacco dal podio, ci vorrebbe un miracolo nelle ultime prove, mentre davanti sembrano decisamente solidi. Svizzeri e spagnoli imprendibili, francesi subito dietro.

Classe ILCA 6

Carlotta Rizzardi risale al 7° posto, la distanza dal podio non è esagerata e, tolta l’irlandese Eve McMahon, che sorprendendo tutti ha già l’oro in tasca, le altre si somigliano un po’ anche negli errori e nell’incostanza. Mattia Cesana 8°, in ripresa dopo un avvio molto incerto. Peccato essere lontani dallo splendido duello del terzetto di testa, tutti alla pari: Barnard (USA), Wright (IRL) e Schweckendiek (GER).

Classe 29er

Una squalifica nella penultima manche del day 4 frena la rincorsa di Zeno Marchesini e Carlo Vittoli, stagione da protagonisti sia in Italia che in Europa, in un mondiale difficile fin dall’inizio, approcciato bene e poi entrato in sofferenza. In testa Argentina, Nuova Zelanda e GBR. Zeno e Carlo sono al 9° posto. Malika Bellomi e Beatrice Conti sono al 12° posto ma l’obiettivo è entrare nella top ten.

Alessandra Sensini, Direttore Tecnico Giovanile, commenta: “È stata una giornata lunga, il vento si è fatto attendere e la pressione della corrente era forte. Solo la classe 420 è riuscita a rispettare il programma della giornata: attualmente Camilla Michelini e Margherita Bonifaccio sono al comando. Importantissima la regata di domani“.

Ultime notizie