venerdì, 19 Agosto 2022

Siccità, stato di emergenza per 5 regioni. Meteo: da giovedì temporali e calo delle temperature

Il Consiglio dei ministri ha proclamato lo stato di emergenza per la siccità in Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia e Friuli. Da giovedì si attende un calo delle temperature su tutta la Penisola, con temporali e grandinate.

Da non perdere

Il Consiglio dei ministri ha proclamato lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2022 per ben cinque regioni, le più colpite dal caldo record delle ultime settimane, e dovrebbe arrivare a breve un decreto per gestire il problema della siccità e limitare i danni, in particolare per quanto concerne agricoltura e allevamento. Le regioni in questione sono Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia e Friuli. Per fronteggiare la crisi idrica «più grave degli ultimi 70 anni», come è stata definita dal premier Draghi, sono stati stanziati 36,5 milioni di euro: 10,9 per l’Emilia Romagna, 4,2 per il Friuli Venezia Giulia, 9 per la Lombardia, 7,6 per il Piemonte e 4,8 per il Veneto. È un dato di fatto che la tragedia della Marmolada sia opera dei cambiamenti climatici, come la continua lotta della Protezione Civile agli incendi boschivi.

Anticiclone delle Azzorre: previsto calo delle temperature

Secondo le previsioni metereologiche, questa settimana l’intero paese potrà tirare un sospiro di sollievo, grazie all’avanzamento dell’anticiclone delle Azzorre. In arrivo da giovedì temporali, grandinate e temperature più fresche, prima sul Triveneto poi su quasi tutto il Centro-Sud. I temporali però potrebbero risultare violenti, generando in alcuni casi trombe marine e anche tornado sulla terraferma. La grandine potrà manifestarsi con chicchi di grosse dimensioni, risultando quindi potenzialmente distruttiva. Le regioni che risentiranno maggiormente del tracollo termico saranno Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, dove di giorno non si salirà oltre i 25/26°C.

Ultime notizie