venerdì, 1 Luglio 2022

Vaiolo delle scimmie, 92 casi confermati e 28 sospetti. Regno Unito: somministrazione vaccino antivaiolo Imvanex

I casi di vaiolo delle scimmie salgono a 92, mentre 28 persone sono in isolamento per sospetto contagio. In Regno Unito è stato attivato il servizio di vaccinazione antivaiolo alla luce del vertiginoso aumento dei positivi da 20 a 56. L'Agenzia UK per la sicurezza sanitaria invita le persone con eruzioni cutanee o lesioni insolite a contattare il Servizio locale di Salute Sessuale.

Da non perdere

Il vaiolo delle scimmie sta vedendo un aumento di casi che non fa ben sperare. Secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della Sanità, al momento sono 92 le persone risultate positive e altre 28 sono sotto sorveglianza per sospetto contagio in 12 Paesi in cui questa malattia non è endemica, tuttavia la situazione è in evoluzione. Finora la trasmissione è dovuta al ceppo del virus dell’Africa Occidentale, ma il sequenziamento del genoma di una persona affetta in Portogallo mostra una notevole somiglianza con i casi del 2018 e 2019 esportati dalla Nigeria in Israele, Regno Unito e Singapore.

Proprio nel Regno Unito, come riferisce l’Agenzia UK per la sicurezza sanitaria (Ukhsa), sono stati rilevati altri 36 casi, per un totale di 56 infezioni confermate dal 7 maggio scorso ed “è in corso la vaccinazione dei contatti ad alto rischio. Fino alle 10 del 23 maggio, oltre 1.000 dosi del vaccino Imvanex sono state fornite, o stanno per esserlo, alle strutture del Servizio sanitario nazionale e ne rimangono oltre 3.500 dosi”.

L’Agenzia sta interpellando tutte le persone che potenzialmente potrebbero essere contatti ad alto rischio di casi confermati, consigliando l’isolamento domiciliare per almeno 21 giorni, e conferma di aver “acquistato forniture di un vaccino sicuro contro il vaiolo, che viene offerto ai contatti stretti identificati di persone alle quali è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie, per ridurre il rischio di infezioni sintomatiche e malattie gravi”. Nonostante il focolaio in corso in Inghilterra sia “significativo e preoccupante”, l’Agenzia sottolinea che “il rischio per la popolazione del Regno Unito rimane basso” e invita “chiunque abbia eruzioni cutanee o lesioni insolite in qualsiasi parte del corpo, in particolare sui genitali, a contattare immediatamente il numero 111 del Servizio sanitario nazionale o il Servizio locale di Salute Sessuale locale”.

Ultime notizie