martedì, 25 Gennaio 2022

Caso Djokovic, il Numero 1 del tennis confessa: “Fornite informazioni non corrette”

Nel questionario Covid-19, compilato in aeroporto, aveva dichiarato di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti

Da non perdere

Prosegue il drama che sta tenendo banco ormai da alcune settimane e continua ad “appassionare”, con reazioni alterne e opposte, il mondo del sport. Novak Djokovic ha pubblicato un lungo post su Instagram nel quale risponde a tutte le accuse che gli sono state mosse in questi giorni, in merito alla sua condotta.

Il tennista serbo ha confessato che, nel questionario Covid-19, compilato in aeroporto, aveva dichiarato di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti. In realtà, si era spostato dalla Serbia alla Spagna. Il vincitore di 20 titoli slam e numero uno indiscusso nella classifica ATP ha anche ammesso di aver violato la quarantena da positivo per poter partecipare ad un’intervista de L’Equipe. Djokovic, intanto, prosegue i suoi allenamenti nel Paese oceanico in attesa della decisione del tribunale di Canberra sul visto per restare e partecipare agli Australian Open.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Novak Djokovic (@djokernole)

 Una storia iniziata male e che va peggiorando

Un altro capitolo è stato aggiunto ad una storia paradossale, triste e che lascia l’amaro in bocca. Il caso Djokovic arriva in un periodo in cui il mondo scopre di essere fragile alla variante Omicron e che un booster ogni quattro mesi, forse, non è una soluzione sostenibile a lungo. Ma del resto, lo sport ha nella sua ontologia l’essere espressione di ciò che quotidianamente accade nel mondo e nelle nostre vite. Purtroppo, per il carico mediatico che Novak Djokovic si porta dietro, questa vicenda non ha nulla di giusto.

Ultime notizie