mercoledì, 4 Agosto 2021

Violenze in carcere, striscione su cavalcavia: “52 mele marce? Abbattiamo l’albero”. Proseguono gli interrogatori

Lo striscione è comparso su un cavalcavia di Roma. Vanno avanti gli interrogatori di garanzia nell'inchiesta sui pestaggi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Da non perdere

Uno striscione dal messaggio niente affatto tranquillizzante: “52 mele marce? Abbattiamo l’albero!” affisso su un cavalcavia di Roma e subito rimosso. Si riferisce ai 52 agenti di Polizia Penitenziaria destinatari di misure cautelari emesse per i pestaggi dei detenuti avvenuti il 6 aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. La frase, minacciosa, ha destato grande preoccupazione.

Tra i tentativi di depistaggio delle indagini, per i magistrati ci sarebbe anche il tentativo di alterare i video delle telecamere, le cui immagini hanno portato alla luce le violenze dietro le sbarre del carcere quel 6 aprile 2020.

Tra le ulteriori 25 persone sospese dal Dap figurano anche i due vicedirettori del carcere e il vicecomandante della Polizia Penitenziaria. Ieri infatti sono stati emessi altri 25 provvedimenti, che si sommano ai precedenti 52 emessi lunedì scorso dal gip Sergio Enea su richiesta dell’Ufficio inquirente coordinato dal procuratore Maria Antonietta Troncone.

Oggi gli interrogatori di garanzia dei 52 agenti della Polizia Penitenziaria sono continuati, sei quelli in programma oggi dopo i 26 dei giorni scorsi. I primi quattro si sono avvalsi della facoltà di non rispondere e hanno esposto brevi dichiarazioni spontanee respingendo le accuse.

Ultime notizie