mercoledì, 23 Giugno 2021

Giro d’Italia: Simon Yates vince in salita e si avvicina alla rosa di Bernal. Caruso resiste

19esima tappa del Giro d'Italia: tutti gli aggiornamenti ciclistici su Simon Yates, Bernal e Caruso.

Da non perdere

Simon Yates batte un altro colpo: Vince la tappa con arrivo all’Alpe di Mera e guadagna, abbuoni compresi, 34’’ su Egan Bernal. La maglia rosa in classifica ha ancora un vantaggio che tranquillizza sul britannico (2’49’’), e in mezzo ai litiganti resta Damiano Caruso. Ma l’esito della terzultima tappa rende durissima la con finale all’Alpe Motta, e forse la crono finale.

Bernal non è in difficoltà, ma non ha più lo smalto di Cortina: è stato comunque bravo a gestire l’attacco del britannico in quanto non ha rischiato di andare fuori giri, risalendo con il proprio passo. Se il Giro è ancora sotto il suo controllo, lo si deve anche a Filippo Ganna: è stato lui a riportare Martinez vicino alla maglia rosa.

Tappa bella è difficile. Tolto il Mottarone per motivi chiari, il gruppo ha dedicato un pensiero alla tragedia: tutti i premi di giornata sono stati destinati al piccolo Eitan. Come punti chiave restano il Passo della Colma e soprattutto la salita finale di quasi 10 km costanti attorno al 10% e con picchi del 14, il tutto intervallato da discesa (cade Brambilla, ritirato) e tratti di falsopiano. Sei si avvantaggiano: Pasqualon, Hermans, Aleotti, Venchiarutti, Christian e Larry Warbasse.

Ma niente lasciapassare: Uno dei più in forma è Joao Almeida. Dopo aver buttato buona parte del suo Giro per colpe sue (a Sestola) e dell’ammiraglia, che ne ha fatto l’inopportuno scudiero di Remco Evenepoel, cerca di rientrare in classifica. La Deceunink fa fuoco e fiamme, lui parte a poco meno di 7 km dall’arrivo e dà il là per l’azione di Simon Yates. Il britannico va, Bernal non replica e segue il ritmo dei compagni di squadra: prima Castroviejo, poi Martinez. Quando resta solo, il colombiano non tiene il passo di Almeida, secondo, e viene avvicinato anche da Caruso che fa il solito buon lavoro di esperienza.

“Il podio non mi basta, sarà difficile ma proverò a vincerlo questo Giro”, promette Simon Yates. Prossimo appuntamento per la resa dei conti sarà sabato: contro di lui il previsto maltempo, due Gpm sopra i 2000 e una squadra la Bike ExChange.

Ultime notizie