sabato, 23 Ottobre 2021

Israele-Palestina, Bachelet (Onu): “I raid come crimini di guerra”

Intanto, il Consiglio dei diritti umani dell'Onu ha deciso di aprire un'inchiesta internazionale sulle violazioni dei diritti umani avvenute nei territori palestinesi occupati e in Israele da aprile, oltre che sulle "cause profonde" delle tensioni.

Da non perdere

Pare che tenga la fragile tregua tra Israele e Hamas. Mentre l’Onu chiede il rispetto completo del cessate il fuoco, le parole dell’​Alto Commissario per i Diritti Umani, Michelle Bachelet, durante la riunione straordinaria in merito al conflitto tra Israele e Palestina, arrivano dritte al punto come un razzo.

Bachelet dichiara che “i raid di Israele su Gaza potrebbero essere crimini di guerra” e sottolinea anche che il lancio indiscriminato di razzi da parte di Hamas verso Israele è stato “una chiara violazione delle regole di guerra”. E ancora: “I razzi di Hamas hanno colpito in modo indiscriminato e non riescono a distinguere tra oggetti militari e civili; il loro uso, quindi, costituisce una chiara violazione del diritto internazionale umanitario”. L’Alto Commissario, precisa poi: “Tuttavia, le azioni di una parte non assolvono l’altra dai suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale”.

“A meno che non vengano affrontate le cause profonde della violenza, sarà sicuramente una questione di tempo prima che il prossimo round di violenza inizi, con ulteriore dolore e sofferenza per i civili da tutte le parti”, ha concluso Michelle Bachelet.

Intanto, il Consiglio dei diritti umani dell’Onu ha deciso di aprire un’inchiesta internazionale sulle violazioni dei diritti umani avvenute nei territori palestinesi occupati e in Israele da aprile, oltre che sulle “cause profonde” delle tensioni. Il provvedimento è stato adottato con 24 voti favorevoli, 9 contrari e 14 astensioni durante una riunione straordinaria voluta dal Pakistan. Nei territori del conflitto è in vigore una tregua, dopo undici giorni di raid aerei in cui sono morte oltre 200 persone, tra cui più di 60 bambini.

A questo proposito, Tony Blinken, Segretario di Stato Usa, twitta: “Costruire sulla tregua. Avanti con la riapertura del consolato a Gerusalemme”; e il Presidente Biden aggiunge: “Prego perché tregua in Medio Oriente regga”.

Ultime notizie