mercoledì, 23 Giugno 2021

Berlino, sabotaggio al cantiere di Tesla. Estremisti di sinistra: “Né verde né ecologica”

Appiccato il fuoco ai cavi di alta tensione. Atto rivendicato dal gruppo di estrema sinistra Vulkangruppe. Nessuna ripercussione sulla futura Gigafactory

Da non perdere

Tesla non è né verde, né ecologica né sociale, il nostro fuoco è contro le bugie dell’automobile verde“. È la rivendicazione comparsa sul sito web di Vulkangruppe,  gruppo di estrema sinistra attivo in Germania.

Il messaggio si riferisce all’incendio appiccato ai cavi elettrici che collegano la fabbrica in costruzione di Tesla vicino a Berlino: “Abbiamo tagliato l’alimentazione elettrica al cantiere della Tesla Gigafactory a Grünheide, vicino a Berlino, nella notte tra il 25 e il 26 maggio 2021, dando fuoco a sei cavi ad alta tensione posati in superficie”.

Non è la prima volta che il gruppo compie azioni criminali in Brandeburgo. “Lo temevamo perché molte persone non si sentono coinvolte nel processo di consultazione pubblica sull’insediamento della Tesla”  spiega Streffen Schorcht, rappresentate del gruppo dei cittadini di Grünheide.

In ogni caso, nessuna ripercussione si è avuta sulla futura Gigafactory e nemmeno sulla fornitura di energia al cantiere.

Ultime notizie