sabato, 16 Ottobre 2021

Taglialegna a nero e senza permesso di soggiorno: per l’azienda scatta la multa di 3mila euro

È successo nel territorio di Firenze. Individuato titolare di una ditta boschiva che faceva lavorare un uomo senza permesso di soggiorno, è stato denunciato e sanzionato per un totale di 2796 euro.

Da non perdere

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Borgo San Lorenzo hanno eseguito accertamenti in località “Arelli” nel Comune di Vicchio, al fine di verificare la regolarità di un taglio boschivo.

Sul cantiere forestale hanno trovato un tagliatore intento alla sistemazione degli assortimenti legnosi. L’uomo, di origini albanesi, risultava sprovvisto del permesso di soggiorno, non era regolarmente assunto ed era privo del “tesserino forestale”. Per lui i militari hanno emesso l’invito a comparire davanti all’autorità di Pubblica sicurezza.

I Carabinieri forestali hanno accertato che il soprassuolo boschivo era stato ceduto dall’affittuario e titolare dell’atto autorizzativo alla ditta boschiva presente, attraverso la stipula di un contratto privato di compravendita.

Individuato e rintracciato il titolare della ditta boschiva, esecutore materiale dei lavori di taglio e allestimento del legname, è scattata una denuncia a suo carico per aver occupato alle proprie dipendenze un lavoratore extracomunitario senza permesso di soggiorno.

Sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 2796 euro in quanto la ditta  non aveva provveduto a sgomberare la legna successivamente al taglio del bosco, avvenuto anche in violazione all’autorizzazione idraulica, trattandosi di un cantiere vicino ad un alveo. Inoltre al momento dell’accertamento il soggetto non ha presentato il tesserino di identificazione previsto dalla Legge forestale Toscana.

Ultime notizie