sabato, 23 Ottobre 2021

Covid, quattro italiani su dieci in difficoltà con la spesa alimentare: Coldiretti lancia l’sos

Per arginare questa situazione quasi 1 italiano su 3 ha partecipato quest'anno a iniziative di solidarietà.

Da non perdere

Quasi quattro italiani su dieci, pari al 38.6%, hanno smesso o ridotto gli acquisti nei negozi di generi alimentari e di altri beni essenziali. La notizia arriva da Coldiretti in seguito all’ultima indagine della Banca d’Italia “Note Covid-19”. Numeri che diventano lo specchio della situazione drammatica che stanno vivendo tanti italiani durante la pandemia.

“Fra i nuovi poveri – afferma la Coldiretti – ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid. Persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche”.

“Con la crisi determinata dalla pandemia Covid un numero crescente di persone è costretta a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente – prosegue Coldiretti – ai pacchi di aiuto alimentare, anche per le limitazioni rese necessarie dalla pandemia. Per arginare questa situazione quasi 1 italiano su 3 (30%) – secondo l’indagine Coldiretti/Ixè – ha partecipato quest’anno a iniziative di solidarietà, fra beneficenza e donazioni per aiutare le famiglie più bisognose piegate dal peso della crisi causata dall’emergenza Covid”.

Contro la povertà, sottolinea l’associazione, è cresciuta la solidarietà, che si è estesa dalle organizzazioni di volontariato alle imprese e ai singoli cittadini. “Dall’inizio della pandemia sono oltre 5,5 milioni i chili di prodotti tipici Made in Italy, a chilometri zero e di altissima qualità, distribuiti dagli agricoltori della Coldiretti e Campagna Amica per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi. Si è trattato – termina Coldiretti – della più grande iniziativa di solidarietà mai realizzata dagli agricoltori italiani resa possibile anche dalla partecipazione volontaria dei cittadini al programma della Spesa sospesa”.

Ultime notizie