martedì, 21 Settembre 2021

Matrimoni al tempo del Covid, Vaia: “Si può fare tutto applicando il buon senso”

Il direttore dell'ospedale Spallanzani dice sì ai festeggiamenti dei matrimoni a patto che ci siano solo congiunti. Polemica l'osservazione di Stefania Vismara, presidente di 'Insieme per il wedding'.

Da non perdere

Il direttore dell’ospedale Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, ospite de ‘L’aria che tira‘ su La7, chiarisce la sua posizione riguardo i festeggiamenti dei matrimoni ai tempi del Covid: “Sì, a patto che la festa sia con pochi invitati, i congiunti”E, allargando i confini oltre l’argomento ‘matrimonio’, afferma: “Ci sono alcune decisioni che francamente non comprendo. Si può fare tutto a condizione che si applichi il buon senso, invece di fare matrimoni con mille persone si posso celebrare in modo più ristretto e con solo i congiunti. Quello che deve prevalere nelle riaperture è il buon senso“.

Al giorno d’oggi, pare in realtà che la priorità sia la festa nuziale a cui, in particolare le giovani coppie, non vogliono rinunciare. A tal proposito si esprime Stefania Vismara, presidente di ‘Insieme per il wedding’, dimostrando un prudente ottimismo: “Auspichiamo la ripartenza del settore dal 15 giugno. Spiega la presidente Vismara: “Mi posso sposare in chiesa o in Comune, con l’abito da cerimonia, il limite al numero di invitati è definito dall’obbligo di rispettare le distanze di sicurezza. Posso andare al ristorante, sempre rispettando le regole. Devo mangiare all’aperto. Ma non posso vestirmi da sposa” – ha sottolineato – “Quindi se gli sposi indossano i jeans e vanno al ristorante con gli invitati opportunamente distanziati, si può fare. Altrimenti, si rischia una multa da 400 a 3mila euro a persona e la chiusura del locale”. Questa è la traduzione del decreto che attualmente vieta cerimonie, banchetti e feste, aprendo le porte alla stagione dei matrimoni in jeans.

Ultime notizie