giovedì, 25 Luglio 2024

Memento Mori dei Depeche Mode esce il 24 marzo, il pensiero va a Fletch

Il 24 marzo esce l'album Memento Mori dei Depeche Mode. La morte è il tema del nuovo progetto. Impossibile non ricordare Fletch e il vuoto che lui ha lasciato su un palco che vedrà in prima fila Martin e Dave più vicini e insieme.

Da non perdere

Il 24 marzo è la data d’uscita del nuovo album dei Depeche Mode, “Memento Mori“, titolo pensato da Martin. In effetti le canzoni che lui aveva scritto sembravano avere per Gahan uno stesso tema, la morte. Un “Ricordati che devi morire” che rimanda anche alla perdita subita dalla band inglese.

Impossibile non pensare infatti alla morte di Andy Fletcher avvenuta l’anno scorso. “Una persona con cui ho passato gran parte della mia vita adulta. Martin invece lo conosceva da quando avevano dieci anni” afferma Dave. Fletch era in vita quando hanno iniziato a lavorare a Memento Mori. Come accadeva sempre e da anni, Fletch sarebbe dovuto andare in studio per ascoltare il progetto registrato insieme a James Ford e Marta Salogni (produttori dell’album), per dire cosa ne pensasse. “Ci avrebbe di sicuro chiesto perchè tutte queste canzoni sulla morte?” sdrammatizza Gahan. È stato solo un caso che il titolo e le canzoni che parlano di morte siano concise con la scomparsa di Fletch assicura Dave. Riconosce però di aver cambiato il modo, insieme a Martin, di approcciarsi al nuovo album dopo aver ricevuto la terribile notizia. Un tema quello della morte che anche Dave ha testato più volte nella sua vita, in gioventù “Conducevo una vita diversa, con tutti i rischi che ne derivavano. Utilizzavo droghe per sentirmi diverso. A quei tempi mi sembrava che fosse giusto così e che le droghe mi facessero bene”. 

Il 23 marzo inizia il tour dei Depeche Mode che saranno in Italia con le date di Roma, Bologna e Milano. Sul palco senza Fletch per la prima volta dopo anni, “Solitamente quando mi esibisco Fletcher è sempre sulla sinistra dietro di me, quest’anno c’è un vuoto” dice Dave, “Abbiamo disposto il palco in maniera differente, in modo che io e Martin siamo più vicini e insieme, in prima fila”. 

Ultime notizie