lunedì, 20 Maggio 2024

Trova un residuato bellico e lo usa come martello: esplode l’ordigno 20enne rischia di perdere una mano

Il giovane avrebbe utilizzato il cilindro in piombo per effettuare dei lavori; l'oggetto si sarebbe rivelato essere un residuato bellico che è improvvisamente esploso addosso al ragazzo procurandogli gravi ferite a una mano.

Da non perdere

Un ragazzo di 20 anni rischia di perdere l’utilizzo della mano sinistra a causa di un’esplosione di un residuato bellico. È quanto accaduto nel pomeriggio di domenica 6 novembre a Polpenazze del Garda, in provincia di Brescia. Il ragazzo avrebbe utilizzato l’oggetto di piombo come martello artigianale per effettuale dei lavori.

L’accaduto

Secondo quanto ricostruito dai militari, il 20enne stava costruendo una parete il legno per l’arrampicata nel giardino della propria abitazione e per piantare i chiodi avrebbe utilizzato il cilindro in piombo come martello; ma quello che a prima vista poteva sembrare un oggetto inerte si è rivelato essere un residuato bellico che improvvisamente è scoppiato. Da quanto di apprende il vecchio proiettile era già stato modellato e in gran parte svuotato del suo contenuto esplosivo e sarebbe stato conservato in casa per decenni. L’esplosione ha causato un forte boato udito in tutto il circondario. Sul posto i militari del Nucleo Radiomobile e i sanitari del 118 che hanno trasportato d’urgenza il giovane presso L’Ospedale Civile di Brescia con gravi ferite a una mano, ma non sembrerebbe in pericolo di vita.

Ultime notizie