giovedì, 20 Giugno 2024

Corea del Nord, 10 missili in un giorno: Seul risponde con tre lanci aria-terra

La Corea del Nord ha lanciato almeno 10 missili a est e a ovest della penisola coreana, incluso uno che è atterrato vicino alle acque territoriali del Sud, per la prima volta dalla divisione del 1945, ha dichiarato Seul.

Da non perdere

La Corea del Nord, mercoledì 2 novembre, ha lanciato almeno 10 missili balistici, come risposta alle esercitazioni aeree combinate in corso da parte della Corea del Sud e degli Stati Uniti. Secondo l’esercito sudcoreano, Pyongyang avrebbe anche lanciato il suo primo missile in un’area vicina alle acque territoriali del sud. “Il lancio di missili della Corea del Nord vicino alle nostre acque territoriali a sud della Northern Limit Line, è intollerabile“, ha riferito l’agenzia Yonhap citando una dichiarazione militare sudcoreana.

Secondo i capi di stato maggiore di Seul, tra i missili sparati da Pyongyang ce ne sarebbero tre balistici a corto raggio lanciati al largo delle coste occidentali e orientali. “I nostri militari hanno promesso di rispondere con fermezza a questa“, ha aggiunto la Corea del Sud. Rispetto agli altri lanci effettuati, questo sarebbe il primo da parte della Corea del Nord a cadere al di là del confine marittimo da quando la penisola è divisa.

La risposta di Seul

L’esercito sudcoreano ha poi confermato di aver risposto e lanciato a sua volta tre missili aria-superficie verso le acque a nord della Northern Limit Line, il confine marittimo intercoreano de facto che divide i due paesi. Nel frattempo, il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha condannato gli ultimi lanci di missili della Corea del Nord e ha ordinato ai suoi militari di essere pronti contro qualsiasi ulteriore “azione provocatoria” di Pyongyang. Yoon ha presieduto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza nazionale e ha notato “che la provocazione della Corea del Nord oggi è stata effettivamente una violazione del nostro territorio da parte di un missile che ha attraversato il confine per la prima volta dalla divisione“, l’agenzia ha citato una dichiarazione del suo ufficio.

Le esercitazioni congiunte Corea del Sud-Stati Uniti

L’ultimo lancio di missili della Corea del Nord è arrivato dopo che le forze statunitensi e sudcoreane hanno iniziato, lunedì 31 ottobre, le loro esercitazioni aeree congiunte su larga scala della durata di cinque giorni. Era dal 2015 che i due Paesi non svolgevano questo tipo di esercitazioni. Addirittura, l’ex presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, nel 2018 le aveva sospesa come parte di una campagna per la riconciliazione intercoreana. Oltre a Seul e Washington, a queste esercitazioni ha preso parte anche l’aviazione australiana.

Botta e risposta

Lo scorso venerdì, 28 ottobre 2022, Pyongyang ha lanciato un missile balistico “non specificato” proprio mentre la Corea del Sud stava per concludere il suo esercizio annuale di addestramento sul campo a Hoguk. La Corea del Nord ha recentemente lanciato anche un missile balistico a corto raggio nel Mare Orientale, appena due giorni dopo il lancio di due missili da crociera strategici a lungo raggio che hanno coinvolto unità operanti “atomiche tattiche“. Dal 4 ottobre, invece, le forze statunitensi e sudcoreane hanno tenuto esercitazioni congiunte a fuoco vivo dopo che la Corea del Nord, per la prima volta in cinque anni, aveva lanciato un missile che aveva sorvolato il Giappone. Le tensioni nella penisola coreana sono iniziate nel 2020 quando Pyongyang ha attaccato e fatto esplodere l’ufficio di collegamento intercoreano lungo il confine.

Ultime notizie