lunedì, 28 Novembre 2022

Missile sul Giappone, chiesta riunione emergenza Onu. Usa e Corea del Sud rispondono a Pyongyang con 4 lanci

Stati Uniti e Corea del Sud, dopo il missile lanciato ieri dalla Corea del Nord sul Giappone, hanno proseguito nelle esercitazioni per mostrare la loro potenza militare e dissuadere Pyongyang dal commettere altre azioni intimidatorie. Sei stati hanno richiesto per oggi, mercoledì 5 ottobre, una riunione di emergenza Onu.

Da non perdere

La Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno effettuato una serie di esercitazioni missilistiche in risposta al lancio di missili balistici della Corea del Nord sul Giappone dal 2017. Ieri, martedì 4 ottobre, il sospetto missile balistico a raggio intermedio ha volato per circa 4.600 km martedì mattina prima di cadere nel Pacifico, il volo più lungo per qualsiasi test nordcoreano. Un episodio condannato dal primo ministro giapponese Fumio Kishida che lo ha definito “barbaro”. Anche Seul e Washington hanno condannato il test e tutti e tre i paesi avevano avvertito che ci sarebbe stata una dura risposta verso Pyongyang.

I missili lanciati da Stati Uniti e Corea del Sud

Questa mattina, mercoledì 5 ottobre, la Corea del Sud ha affermato che le forze sudcoreane e statunitensi hanno lanciato quattro missili terra-superficie in mare. I due alleati hanno lanciato ciascuno due missili Army Tactical Missile System, che hanno colpito bersagli fittizi e “dimostrato la capacità degli alleati di scoraggiare ulteriori provocazioni“, come ha riportato l’agenzia di stampa Yonhap. Entrambi i Paesi hanno anche tenuto un’esercitazione di bombardamento al largo della costa occidentale della penisola che ha coinvolto otto caccia, poche ore dopo il test nordcoreano di ieri.

Come si è svegliata Pyongyang

Quest’anno, la Corea del Nord ha condotto un numero record di test sulle proprie armi, incluso il lancio di un missile balistico intercontinentale vietato. I media statali nordcoreani non hanno ancora confermato l’ultimo lancio, che secondo gli analisti potrebbe essere un Hwasong-12. Si tratta di un missile testato per la prima volta nel 2017, capace di trasportare una testata nucleare. Secondi alcuni studiosi, Kim Jong Un sarebbe impegnato nella modernizzazione dell’esercito. Con questo progetto, il leader nordcoreano mira a utilizzare il suo arsenale ampliato per fare pressione su Washington affinché accetti il ​​suo paese come “Stato con armi nucleari”. L’espressione fa riferimento a quei Paesi che hanno costruito, hanno testato e sono attualmente in possesso di armi nucleari di qualunque tipo.

Chiesta riunione d’emergenza Onu

Sei Paesi, tra cui gli Stati Uniti, hanno chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Al centro del dibattito, i test effettuati dalla Corea del Nord. L’incontro potrebbe tenersi già oggi, ma Russia e Cina si sarebbero opposte a una discussione aperta sulla questione all’interno dell’Onu.

Intanto, l’esercito sudcoreano ha confermato che un Hyunmoo-2 era fallito poco dopo il lancio. Il missile si era schiantato durante l’esercitazione di martedì notte, ma che nessuno era rimasto ferito. L’impatto è avvenuto all’interno dei confini della base aerea. Il suono dell’esplosione e il conseguente incendio hanno causato preoccupazione e confusione nella città costiera di Gangneung. Alcuni abitanti temevano si trattasse di un attacco nordcoreano.

Ultime notizie