venerdì, 30 Settembre 2022

Breaking Bad alla partenopea, “cocaina rosa” nelle mutande: arrestato l’Heisenberg di Torre del Greco

I Carabinieri hanno arrestato un 34enne trovato in possesso con quattro dosi di stupefacente, pronte per la vendita, nascoste negli slip. Si muoveva all’interno dell’alta società di Torre del Greco.

Da non perdere

A Torre del Greco, in provincia di Napoli, i Carabinieri hanno arrestato un uomo di 34 anni, con l’accusa di detenzione di droga a fini di spaccio. Quando i militari lo hanno perquisito è venuto fuori un vero e proprio shop di stupefacenti: due dosi di marijuana e due di cocaina, un grinder e un tira cocaina. Nell’abitazione dell’uomo, al momento ai domiciliari, è stata trovata altra cocaina, marijuana e materiale vario per il confezionamento. L’uomo è stato scoperto con quattro dosi già confezionate ermeticamente nascoste negli slip.

Heisenberg e la “cocaina rosa”

I Carabinieri hanno anche scoperto che, per gli acquirenti più “acculturati”, il 34enne utilizzava formule chimiche per definire le dosi di sostanza stupefacente: 2C-B oppure 4-bromo-2,5-dimetossi-feniletilamina. Per tutti gli altri era semplicemente “cocaina rosa”, denominazione usata per indicare una sostanza tutta sintetica che genera effetti psichedelici, visioni e distorsioni della realtà che richiamano i colori accesi dei cartoni animati. Una droga per sballarsi, pericolosa ma soprattutto costosa: 400 euro a dose. Più della cocaina, al punto da essere definita la “droga dell’alta società”. Una storia che ricorda, per sommi capi, una serie di grande successo come “Breaking Bad” nella quale il protagonista, professore di chimica e pusher improvvisato, si faceva chiamare “Heisenberg” in onore del fisico tedesco vissuto nel ‘700.

Ultime notizie